Ma_fack di Ma_fack
Ominide 1415 punti

Classi di indirizzi

Per mandare i pacchetti di dati da un’applicazione all’altra è necessario conoscere l’indirizzo della macchina mittente e quello della destinataria. Quando un computer è collegato alla rete Internet è infatti caratterizzato da uno o più indirizzi numerici detti IP (Internet Protocol). Gli indirizzi IP, indirizzi numerici di 32 bit, sono suddivisi in classi differenti: A, B, C, D.
Gli indirizzi di Classe A si riconoscono poiché il primo Byte è compreso tra 0 e 127 (ES. 10.10.2.11) ed è l’unico byte a identificare l’indirizzo di rete, mentre gli altri 3 byte definiscono l'identificativo di Host.
Gli indirizzi di Classe B sono caratterizzati dal fatto che iniziano con un numero compreso tra 128 e 191 (Es. 129. 100.1.32) e i primi due Byte costituiscono l’indirizzo di rete.

Gli indirizzi di Classe C hanno il primo numero tra 192 e 223 (ES. 192.243.233.4) e i primi tre byte costituiscono l’indirizzo di rete.
Gli indirizzi di Classe D sono indirizzi riservati per attività di multicasting. In una trasmissione Multicast, un indirizzo non fa riferimento ad un singolo host all’interno di una rete bensì a più host in attesa di ricevere i dati trasmessi (Es. Streaming film).

Per suddividere gli indirizzi IP in classi si può procedere anche osservando il primo byte del formato binario e applicando la seguente regola:

- Classe A = primo bit uguale a 0;
- Classe B = primi due bit sono 10;
- Classe C = primi tre bit sono 110;
- Classe D = primi quattro bit sono 1110;

Hai bisogno di aiuto in Informatica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email