Internet

Nasce dal progetto militare (Arpanet). Uno degli scopi di Arpanet era lo sviluppo di uno strumento che permettesse a computer aventi diverso hardware e diversi sistemi operativi di comunicare (i sistemi del ministero della difesa americano).
Questo fu realizzato attraverso la creazione di un insieme di protocolli, ovvero da un insieme di regole e di convenzioni che tutti i computer su Internet dovevano seguire per poter comunicare. Furono infatti creati degli standards che descrivono le più importanti regole di comunicazione su Internet; l'insieme di questi standards viene riferito come TCP/IP, prendendo il nome dai due pi importanti protocolli che lo compongono: il Transmission Control Protocol (TCP) e l'Internet Protocol (IP).

Protocollo di comunicazione= linguaggio (indirizzi IP e nomi di dominio). Se due pc non hanno lo stesso linguaggio non possono comunicarsi. Alla base di tutti i protocolli c’è una suddivisione dei file in “pacchetti”. Una volta arrivati a destinazione i pacchetti devono essere interpretati secondo i diversi protocolli:

-Quando metto username e password su vari siti non deve avvenire in chiaro: per fare questo é stato aggiunto un livello in più che é l SSL (nasconde contenuto dei pacchetti)
-FTP: utilizzato per i file in transito da e verso un server FTP
-SMTP: per le mail
-HTTP: per la ricezione di pagine in HTML, permettono la navigazione dei siti internet


Indirizzo IP (XXX.YYY.ZZZ.WWW)
Indirizzi IP pubblici sono quattro numeri separati da un punto. Mi identificano in modo univoco e unico al mondo. Però non sono infiniti. Quindi possono variare, quando spengo il pc può andare a un altro. L indirizzo IP é rilasciato dal provider con cui mi collego. Le aziende invece acquistano gli indirizzi IP e usano sempre gli stessi. I provider tengono traccia di tutto (in caso di indagine). Un hacker la può far franca facendo ponte con nazioni che non collaborano.
La comunicazione tra i server (routing di dati) può essere diretta (A→B→C) o indiretta. Quando la connessione é lenta vuol dire che la comunicazione é indiretta.
Tutto quello che facciamo su internet conserva il nostro indirizzo IP quindi siamo sempre tracciabili (anche gli hacker). Gli hacker hanno delle tecniche per balzare questi controlli passando per altri paesi.
I dati passano su più macchine prima di arrivare a destinazione. Questo apre un problema sulla sicurezza. Ci sono dei programmi che si chiamano SNIFFER (sniffano il traffico che passa attraverso il mio computer, sniffano alcune info tipo username e password) e gli hacker utilizzano questi computer. Come ci si difende? Criptando queste info. Via Wi-Fi il traffico é in chiaro, non é criptato. Allora gli hacker andavano vicini alle case, installavano gli sniffer, si collegavano all antenna Wi-Fi e iniziavano a catturare il traffico per poter fare cose a nome mio. Sono stati inventati due sistemi: password per connettersi al Wi-Fi (bisogna cambiarla rispetto a quella che ci viene assegnata perché quelle di origine sono generate con algoritmi di cui si sanno le formule). Il Wi-Fi può essere reso inutilizzabile dagli hacker se non ho la password.

TCP: é il linguaggio. Tutti i computer devono capire questo linguaggio.

Nomi di dominio (www.pippo.it): sono la registrazione di ciò che sono gli indirizzi IP. Quindi se essi corrispondono biunivocamente devono essere entrambi indirizzi unici. I nomi di dominio vengono letti dal computer da destra verso sinistra perché .it é considerato più importante ( dominio di primo livello= parte che ci permette di classificare e distinguere i siti). La parte centrale del nome di dominio viene comprato e non può più essere utilizzato da nessun altro. Alcuni nomi adesso sono stati protetti e hanno calmato la disputa del business del nome di dominio.

Servizi (Server)
-Database server: offrono un servizio di consultazione dei dati presenti nei loro archivi; questi dati sono strutturati, ovvero rispecchiano strutture definite che permettono all’utente ricerche mirate 
Es. motori di ricerca/ricerche bibliografiche...Come funziona? L info viene salvata sul database secondo una certa logica. Come faccio ad accedere? Una volta si utilizzava una logica simile a quella di outlook, che usa un linguaggio SQL (structured query language) che serve per fare delle ricerche, però richiedeva la conoscenza di questo linguaggio. Google ha frapposto un web server, ci si collega alla pagina del motore di ricerca che mi permette in modo semplice di inserire quello che cerco, il web server sa come parlare con il data base usano il SQL quindi mi arriva una risposta semplice. Quando faccio ricerca su Google non cerco su internet ma su un database. Chi fa questo? Dei software che si chiamano robot i quali navigano i siti in automatico, ne fanno una scansione e li salvano nei data base di Google e poi li possono ricercare. Se io cerco una pagina che é appena stata creata é possibile che io non lo trovo perché magari non é stata ancora inserita nel database (Google ci mette tre settimane mediamente, a parte i quotidiani per il quale esiste Google News che fa la scansione quotidiana di un elenco fisso di siti che non possono aspettare tre settimane).

-DNS che traduce da indirizzi IP a nomi di dominio. Uno dei problemi maggiori é che questi DNS propagano le info sui siti in modo gerarchico cioè ci sono alcune DNS che sono a livello top e se gli hacker riuscissero a entrare in quei server tutta internet cadrebbe perché non ci sarebbe questo mezzo di traduzione.
-Proxy e Firewall:sistemi che mi permettono di proteggermi dalle intrusioni. Sono una parte di server che controllano i pacchetti che passano per vedere se hanno scopi nocivi.
-Application server: es. Office 365, sistema che mi permette di usare un app online
-File server: per depositare un file (es. dropbox)
-Web server: erogano come servizio la consultazione di pagine web. Sono una cartella contenuta all interno del suo hard disk: questa cartella contiene le pagine di un sito scritte con un linguaggio apposito (HTML). I client si collegano andando a leggere queste informazioni. Questo tipo di comunicazione é quella che ha avuto più successo.
-Mail server: la mia casella postale risiede su un sistema che si chiama POP3, la posta che io invio viaggia sul server SMTP. Uso due sistemi diversi. Quando devo configurare la mia mail é possibile che mi vengano richiesti questi due parametri. Allora Google ha tolto questi sistemi e ha frapposto tra me e loro un web server che si collega a sua volta al pop3 e SMTP. Quindi posso mandare mail usando il web gratuitamente (Google mail). Sistema molto più semplice perché non devo impostare pop3 e smtp, c é un interfaccia web che semplifica tutto.
C é anche l HTTP (il linguaggio x navigare). La navigazione diventa sicura quando prima del sito c'è scritto HTTPS. È sicuro solo per i passaggi intermedi. Se C è un virus non é più sicuro. La sicurezza siamo noi nel computer.
Tutto si sta portando verso l interfaccia web (anche le mail). É più facile usare il sito.

Web 2.0
Evoluzione di internet. All inizio era un sistema mono direzionale, c erano i siti che mi davano informazioni, si navigava e basta, no interazione, non ero parte di questo sistema.
L evoluzione web 2.0 é l integrazione tra utenti e internet, gli utenti contribuiscono ai siti alimentandoli. Per esempio all inizio c erano siti con dietro una redazione (giornali online). Adesso hanno successo siti in cui non c é una redazione, contribuiscono utenti sparsi in varie località. Molte volte le notizie vengono pubblicate prima su questi siti che sui quotidiani perché magari gli utenti sono nel posto in cui il fatto é successo.

Hai bisogno di aiuto in Informatica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità