Ominide 1660 punti

Echelon

Il termine Echelon significa letteralmente "giardino o scaglione".
L'origine della parola è incerta, trattandosi del nome in codice di un sistema segreto di sorveglianza. Probabilmente risale alla natura stessa dell'accordo UKUSA che si è sviluppato per "gradini o scaglioni" successivi. Uno sviluppo che ha seguito l'evoluzione dell'elettronica e dell'informatica, ma anche dei mutamenti dello scenario internazionale.
Echelon è composto almeno da stazioni d'ascolto di terra e da un numero, non ben preciso, di postazioni mobili su navi, aerei, satelliti.
Echelon ha il suo cuore pulsante in una rete di supercomputer che selezionano ed elaborano quasi tre miliardi di dati al giorno provenienti da telefonate, fax o e-mail. In teoria a Echelon interessano i dati che riguardano la difesa militare e politica degli Stati membri. Dopo l'11 settembre interessano informazioni legate al terrorismo internazionale.

Si sospetta però che Echelon venga usato anche per altri scopi: numerose sono, infatti, le proposte di Stati e organizzazioni nazionali in relazione alla sua presunta intromissione nello spionaggio economico per capire segreti industriali o strategie aziendali. In sintesi Echelon è una presenza inquietante in grado di violare la privacy di chiunque. Da qui l'interrogativo: chi controlla questo occhio chiamato Echelon? La risposta è: in maniera completa nessuno. Non solo: se ciò accadesse Echelon cesserebbe di esistere.
La logica dell'Echelon è semplice: nell'era dell'elettronica la guerra non può che essere elettronica. Da qui la difesa a oltranza dei suoi sostenitori: Echelon sarà anche uno strumento pericoloso.

Hai bisogno di aiuto in Informatica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove