Genius 21877 punti

La pronuncia del latino


Il latino nella sua lunga storia e nella sua vasta diffusione territoriale non ha mantenuto una pronuncia unitaria, ma ha conosciuto molte varianti, che possiamo ricostruire attraverso le testimonianze degli scrittori, il materiale documentario (epigrafi, monete, ecc.) e i confronti con altre lingue antiche e moderne. Attualmente sono in uso due diversi modi di pronunciare il latino: la pronuncia classica e la pronuncia scolastica.
La pronuncia classica è detta anche "restituta" perché è frutto dell'opera degli studiosi che, dall'età umanistica ad oggi, hanno cercato di ricostruire la corretta pronuncia dell'età di Cesare e Cicerone. Esaminiamone le caratteristiche.
— Tutti i dittonghi si pronunciano come sono scritti; se su di essi cade l'accento, questo si colloca sul primo elemento.
— La vocale y ha il suono della u francese.
— Le consonanti c e g sono sempre velari.
— Il gruppo gn si legge separando la velare dalla nasale.
— Il gruppo quu si pronuncia cu.
— La s intervocalica è sempre sorda: in parole come causa o rosa la s ha il suono dell'italiano "sale".
— Il gruppo ti davanti a vocale si pronuncia come è scritto: amicitia, otium, sentio.
— Il gruppo ns tende a una pronuncia s: consul pron. /cosul/.
— La h indica una leggera aspirazione all'inizio di parola (herba) o nella trascrizione delle aspirate greche, la cui pronuncia è quella di una muta seguita da aspirazione (charta, thesaurus, Philippus).
— Il suono v non esiste; la semiconsonante u, che nei nostri testi è per lo più indicata con il segno v, si pronuncia u: vinum: pron. /uinum/, vivo pron. /uiuo/.

La pronuncia scolastica italiana coincide in gran parte con la pronuncia corrente del IV - V sec. d.C., che la Chiesa cattolica ha fatto propria e ha conservato nell'uso ecclesiastico del latino. I suoi tratti distintivi sono elencati qui di seguito.
— I dittonghi ae ed oe si pronunciano e.
— La y ha lo stesso suono della i.

— I gruppi ce, ci, sce, sci, gn si pronunciano come in italiano.
— Il gruppo ph si pronuncia f.
— Il gruppo ti davanti a vocale si pronuncia zi:
La pronuncia ti si conserva quando t è preceduta da s, t,x; quando la i è di quantità lunga e accentata ;nei nomi di origine greca.
— La semiconsonante u si indica con il segno v e si legge come in italiano.
Hai bisogno di aiuto in Grammatica latina?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email