Genius 20319 punti

L'alfabeto e la pronuncia

L'alfabeto latino è formato da ventitré segni.

Il segno C anticamente aveva anche il valore di G: tale uso è ancora documentato nelle abbreviazioni di due prenomi: C. per Gaius e Cn. per Gnaeus. Il segno G fu introdotto a partire dal III sec. a.C.
Il segno K è di uso molto raro; si è conservato nelle abbreviazioni K. o Kal. per Kalendae "primo giorno del mese", K per Kaeso "Cesone", nome di persona, e in pochissimi nomi, come Karthago "Cartagine". A partire dal III sec. a.C. fu progressivamente sostituito da C (Calendae, Caeso, Carthago).
In latino non esisteva un suono equivalente al nostro v. I segni V (maiuscolo), (minuscolo) venivano impiegati sia per u vocale, che per u semiconsonante: si scriveva e si pronunciava uinum "vino", uolo "io voglio", uiuo "io vivo".

Solo nel 500 ad opera dell'umanista francese Pierre de la la Ramée, fu introdotto il segno v per indicare u semiconsonante.
I segni Y e Z, usati solo per parole di derivazione greca, furono aggiunti all'alfabeto latino nel I sec. a.C.
L'uso delle maiuscole corrisponde in gran parte a quello dell'italiano; tuttavia nel latino, in genere, sono maiuscoli anche gli aggettivi e avverbi derivati da nomi propri: populus Romanus "popolo romano"; Latine "latinamente, alla maniera latina".

L'alfabeto latino deriva, attraverso quello etrusco, dall'alfabeto greco in uso nell'Italia meridionale. Nel VII sec. a.C. gli Etruschi sottomisero gran parte della Campania e nelle colonie elleniche appresero l'alfabeto greco occidentale, diverso da quello ionico in uso ad Atene. In seguito,tra il VII e il VI sec. a.C., gli Etruschi imposero la loro dominazione su Roma e sul Lazio e il loro alfabeto fu adattato alla lingua latina; le più antiche documentazioni di scrittura latina che ci sono pervenute risalgono infatti al VI sec. a.C.

Hai bisogno di aiuto in Grammatica latina?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Alfabeto e pronunciadel latino