L'elisione e il troncamento

L'elisione
L'elisione si verifica se la vocale finale non accentata di una parola cade quando precede una parola che inizia per vocale.
L'elisione viene segnalata dall'apostrofo e si usa per evitare la pronuncia di suoni ripetuti o sgradevoli.
Si festeggia l'anniversario dell'Unità d'Italia

L'elisione è obbligatoria

:
-con gli articoli lo, la e le preposizioni articolate da essi formate:l'uovo, l'elica, dall'isola, all'improvviso
-con gli aggettivi dimostrativi

quello/quella;questo/questa

: quell'individuo, quest'amica
-con gli aggettivi

bello/bella e santo/santa

: un bell'uomo, una bell'impresa, Sant'Alessandro, Sant'Agnese
-con l'avverbio

ci

davanti a voci del verbo essere che iniziano con e: c'è, c'era, c'erano
- con alcune

formule fisse

: tutt'al più, l'altr'anno
L'elisone è vietata:
- con l'avverbio ci davanti a parole che iniziano per vocale: ci andremo, non c'andremo.
-con la preposizione da, tranne alcune eccezioni, quali d'ora in poi, d'altra parte, d'altronde.
-con gli articoli e le preposizioni articolate che precedono parole che cominciano con i + vocale: la iena, lo odio...
- con gli articoli le e gli: le erbe, gli aironi...; gli può essere eliso davanti a parola iniziante con i: gl'italiani.

L'elisione è facoltativa in tutti gli altri casi: un'amica o una amica, d'acciaio o di acciaio, m'interessa o mi interessa...

Hai bisogno di aiuto in Grammatica italiana?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email