I paesaggi rurali-così come l'agricoltura-sono influenzati da fattori ambientali (clima e tipo di suolo), economici (mercati, forza-lavoro, disponibilità di tecnologie e politica governativa) e socio-culturali (tradizioni, impegno, ecc...). Per questo esistono quattro tipi diversi di paesaggio rurale:
-la risaia-tipica dell'Asia-è il frutto di terrazzamenti e canali costruiti dall'uomo vicino i fiumi; il lavoro nella risaia richiede molta manodopera e per questo si sta tentando di introdurre la tecnologia per aumentare la resa con poco lavoro umano;
-la piantagione-tipica delle aree intertropicali-consiste nel piantare una singola coltura in filari allineati (come la coltivazione del caffè e del cacao in Brasile o la canna da zucchero a Cuba) per poter poi esportare i prodotti in Europa e nei Paesi occidentali (anche se spesso la piantagione non riesce a soddisfare appieno la richiesta sempre maggiore di prodotti esotici);
-la fattoria americana occupa vasti spazi ed è caratterizzata da appezzamenti con lunghe strisce perché sono stati lavorati da macchine moderne (l'America è stata la prima nazione a introdurre la tecnologia nell'agricoltura); in questi terreni si coltivano soprattutto i cereali (principalmente mais, riso, avena, soia e grano) destinati all'esportazione;

-il villaggio rurale africano caratterizzato da un'agricoltura di sussistenza (si coltivano miglio, sorgo, manioca, arachidi, cacao, tabacco, banane, ecc...) e da appezzamenti che dopo il raccolto sono destinati al pascolo.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email