Ominide 16918 punti

Tosco-Emilano: il territorio, i monti e le pianure

L’Emilia-Romagna ha la figura di un triangolo con il lato più lungo formato dall’Appennino, e i minori rispettivamente dal Mare Adriatico e dal corso del Po (con brevi deviazioni lungo gli Oltrepò pavese e mantovano). Per la sua posizione è la regione-ponte fra l’Italia continentale e peninsulare. La costa è generalmente bassa e sabbiosa; a Nord presentava un tempo numerosi stagni e acquitrini, oggi prosciugati ad eccezione delle Valli di Comacchio. A Sud si orna di belle spiagge costellate di centri balneari notissimi. Dal punto di vista fisico la regione può essere distinta in due zone: la pianura a Nord della Via Emiliana e i rilievi collinare e montuoso a Sud. La zona di pianura è costituita dal lembo meridionale della Pianura Padana; benché manchi di fontanili e quindi sia poco irrigata, gareggia per fertilità con la pianura lombarda. La zona collinare-montuosa corrisponde al versante settentrionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e raggiunge la sua maggiore altezza nel Monte Cimone. È solcata da lunghe valli, disposte parallelamente come i denti di un pettine; esse sono molto importanti come vie di passaggio, poiché attraverso i facili passi appenninici (Cisa, Poretta, Futa, Mandrioli) mettono in comunicazione con l’Italia Centrale. I fianchi vallivi di questa zona sono costituiti in prevalenza da rocce tenere, facili a sfaldarsi e a franare. Presentano inoltre frequenti calanchi, solchi profondi e brulli, scavati dalle acque, disposti parallelamente o a ventaglio. I fiumi emiliano-romagnoli sono numerosi quanto le valli che sboccano nella pianura, ma sono quasi tutti di scarsa portata e di carattere torrentizio. Si allargano, per solito, in vasti letti sassosi, dai quali straripano nei periodi di piena sulle campagne circostanti, provocando danni spesso ingentissimi. Partendo da Nord-Ovest si incontrano: la Trebbia, il Taro, il Parma, l’Enza, la Secchia, il Panaro, che si gettano nel Po; sboccano direttamente nell’Adriatico il Reno, il Lamone, il Montone, il Savio, il Rubicone, l’Uso e la Marecchia.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email