Ominide 8039 punti

Risorse ed economia-Romania

Il tenore di vita della popolazione è uno dei più bassi d'Europa: oltre il 20% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Tuttavia, grazie a forti investimenti stranieri (tra cui molti italiani) la Romania ha avviato un processo di rinnovamento delle infrastrutture e delle imprese.
L'agricoltura è ancora molto importante. Nelle fertili pianure della Valacchia e della Moldavia si coltivano soprattutto frumento e mais; importanti sono le produzioni di girasole, barbabietola da zucchero, lino e canapa. Vite, tabacco e alberi da frutto si coltivano nelle valli più tiepide. Anche l'allevamento del bestiame è rilevante, soprattutto quello ovino. Nel delta del Danubio si pratica la pesca.
La Romania possiede abbondanti giacimenti di petrolio e numerosi giacimenti di gas naturale, carbone ferro, bauxite, piombo e salgemma. Le industrie son presenti su tutto il territorio: accanto all'industria pesante ( siderurgica, metallurgica, meccanica, cantieristica) sono sorte di recente piccole e medie industrie manifatturiere ( tessili e alimentari). In grande espansione sono gli impianti petrolchimici, per la trasformazione del greggio nazionale.

Le comunicazioni stradali e ferroviarie sono piuttosto difficoltose e i commerci si svolgono soprattutto via acqua, in particolare sul Danubio che è del tutto navigabile. Gli unici aeroporti internazionali sono a Bucarest e a Costanza. La Romania effettua scambi commerciali soprattutto con Russia, Germania e Italia. Il turismo, in particolare quello lungo le coste del Mar Nero, è in via di sviluppo.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email