Ominide 11269 punti

Il Parco delle Alpi Marittime


Ambiente: In base a una legge recente è stato istituito il Parco nazionale delle Alpi Marittime. Il parco ha un’estensione di circa 80.000 ettari e occupa la parte Sud-occidentale del Piemonte, in provincia di Cuneo, e quella Nor-occidentale della Liguria, interessando una zona dove già esistono quattro aree protette: il parco naturale dell’alta valle Pesio; il parco naturale dell’Argentera; la riserva naturale del bosco e dei laghi di Palanfrè e la riserva naturale della Fenicia destinata alla protezione del ginepro. A queste aree è da aggiungere la riserva naturale del Mercantur, situata in territorio francese.
Il territorio del parco è formato dalle catene montuose delle Alpi Marittime e Liguri che culminano. In Piemonte, con il massiccio cristallino dell’Argentera (m. 3297) e, in Liguria, con la cima del Monte Saccarello (m. 2200).
L’ambiente è ricco di numerosi laghetti di origine glaciale e di corsi d’acqua fra cui il torrente Gesso in Piemonte e il Tanaro in Liguria. Nella parte ligure del Parco si trovano fenomeni carsici e numerose grotte.
Vegetazione: La superficie del parco presenta una notevole varietà di specie vegetali, poiché si trova al punto di incontro di due tipi di ambiente diversi: quello mediterraneo e quello temperato centro-europeo. Il manto vegetale presenta caratteristiche diverse a seconda dell’altitudine. Sotto i 1000 metri si trovano roverelle, castagni, òpini marittimi, frassini e noccioli; dai 1000 metri fino ai 1500 metri dominano i faggi, gli aceri e gli abeti bianchi; dai 1500 ai 2000 metr vi sono abeti e larici; oltre i 2000 metri e fino ai 2500 metri circa crescono ampie distese di rododendro e mugo; oltre i 2500 metri si estendono praterie di alta montagna. La flora è ricchissima, basti pensare che in questa area sono state classificate circa 3000 specie floreali, sulle 5000 presenti in tutta l’Europa, ad eccezione della regione caucasica. Ricordiamo il giglio di montagna, il dente di cane, la fritillaria, il tulipano, la barba di Giove di Allione le viole del Moncenisio e di Valdieri.
Fauna: Il camoscio conta circa 3500 esemplari, lo stambecco 500, il muflone 20. vi sono, inoltre, cinghiali, marmotte, tassi, lepri bianche, ermellini e martore. Tra i volatili spiccano l’aquila reale, presente con una decina di coppie, il gallo forcello, il raro biancone, la pernice bianca e rossa, la coturnice, l’astore e il gufo reale. Fra i rettili e gli anfibi è da segnalare, sul versante ligure del parco, la rara e assai grande lucertola ocellata che può raggiungere gli 80 centrimetri di lunghezza, e l’ancor più raro colubro lacertino. Fra gli insetti spiccano vari tipi di farfalle.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove