Ominide 152 punti

OCEANIA
• TERRITORIO
-L’Oceania è attraversata dall’Equatore ma la maggior parte delle terre emerse sono al di sotto di questo. Il suo territorio è formato da 3 masse continentali: Nuova Guinea, Nuova Zelanda e infine l’Australia, considerata l’Isola più grande al mondo. Con circa 8,5 milioni di km2, l’Oceania è il più piccolo continente. L’origine di alcune isole presenti in Oceania sono vette emerse di catene montuose o la porzione affiorante di vulcani. -La Catena montuosa più estesa è la Grande Catena Divisoria, in Australia. Le vette più alte, però, sono in Nuova Guinea, tra cui la più alta che è il M. Wilhelm con 4509m; mentre l’unico grande fiume è il Murray-Darling. Molti piccoli laghi si possono trovare in Nuova Zelanda, ma i più grandi sono i laghi australiani, che però, per aridità, molto spesso sono asciutti o ricoperti da uno strato di sale. -Il clima è generalmente caldo-umido con precipitazioni abbondanti lungo la fascia tropicale; mentre a sud il clima è temperato.

• POPOLAZIONE E COLONIZZAZIONE
-La popolazione dell’Oceania conta circa 36 milioni di abitanti, ma con una densità media di 4 ab/km2, ciò è dovuto alla natura inospitale in gran parte del territorio. La colonizzazione europea ebbe come effetto l’eliminazione della maggior parte della popolazione nativa, uccisa da malattia, sfruttamento ed emarginazione. Oggi gli aborigeni costituiscono il 2,2% della popolazione totale. -Gli abitanti sono in maggioranza anglosassone, italiane, greche, russe, asiatiche e polacche. Le lingue maggiormente parlate sono quelle dei colonizzatori, anche se sopravvivono idiomi locali. Tra le religioni più diffuse c’è il protestantesimo, il cattolicesimo e vari culti animistici.
• ECONOMIA
-L’economia dell’Oceania ha profonde differenze. Australia e Nuova Zelanda che costituiscono il 90% del territorio hanno un’economia di tipo occidentale, con lo sviluppo dell’industria e del settore terziario; mentre il resto del territorio presenta un’economia di sussistenza basata sull’agricoltura e sulla pesca. -Tra le cause di questo diverso sviluppo vi è l’isolamento di gran parte dei paesi, difficilmente raggiungibili.
• STORIA
-L’Oceania fu abitata fin dall’antichità da varie popolazioni ma il continente rimase sconosciuto agli europei fino al 1521, quando Magellano, durante un viaggio attraccò nell’attuale Polinesia. All’inizio del ‘700 gli inglesi iniziarono a colonizzare gran parte del continente. -Nell’800 con la scoperta di nuove risorse minerarie si verificarono nuove ondate migratorie dall’Europa. All’inizio del 20° secolo si iniziò il cammino per l’indipendenza, che venne successivamente concessa nel 1901 all’Australia e 32 anni dopo alla Nuova Zelanda, mentre ad altre isole nella 2^ metà del ‘900. -Ancora oggi numerose isole dipendono da altri stati come La Francia, Inghilterra, Stati Uniti, Cile, Australia e Nuova Zelanda.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email