Video appunto: New York - Storia ed economia

New York: storia ed economia



La città di New York, chiamata più precisamente New York City per distinguerla dall’omonimo stato, si trova sulla foce del fiume Hudson, sull’oceano Atlantico. È a circa 41° di latitudine nord (quasi la stessa di Roma) e a 74° di longitudine ovest. La parte centrale della città è costituita dall’ isola di Manhattan, lunga 16 chilometri.
La parte più estesasi trova sulla Long Island.
Il primo uomo bianco che penetrò nella baia esterna di New York fu Giovanni da Verrazzano nel 1524. Nella zona dove ora sorge la metropoli, a quel tempo vivevano i Pellerossa. Cento anni più tardi, nasceva New Amsterdam. Questo piccolo nucleo olandese in soli venti anni crebbe molto rapidamente e diventò un villaggio di contadini, pescatori e cacciatori. Nel 1664, New Amsterdam fu conquistata dagli Inglesi che le dettero il nome di New York, in onore al Duca di York, fratello del re Carlo II. Nel 1788, la città entrò a far parte della Confederazione degli Stati Uniti. Alla fine del XVIII secolo, la città contava 50.000 abitanti e nel 1820, la popolazione era passata a150.000 unità. Alla fine del XIX secolo, la metropoli era già una delle maggiori del mondo con tre milioni circa di abitanti. L’aumento era dovuto soprattutto all’arrivo di milioni di migranti che fra il 19090 e il 1915 vi si trasferirono dall’Europa. Più di un milione provenivano dall’Italia, quasi un milione dalla Russia e circa 500.0o00 dalla Germania, dall’ Irlanda e dalla Polonia.

New York è la città dei primati: la più estesa (approssimativamente la distanza che intercorre fra Milano e Como, la superficie della sola città equivale a cinque volte quella di Milano, il suo porto è il primo del mondo per il numero di banchine e la popolazione attuale è di quasi 18.500.000 abitanti (come Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna messe insieme)
La grande espansione della città ha diverse cause: innanzitutto, nel corso di tre secoli qui sono affluiti uomini da tutto il mondo, intraprendenti, decisi con grande voglia di lavorare; inoltre nella città fanno capo tutte le rotte marittime ed aeree sia provenienti dall’Europa che dall’interno degli USA. Per questi motivi essa è il centro della finanza mondiale; è il centro commerciale, teatrale, industriale e editoriale più importante del mondo. Fra le bellezze naturali, i monumenti e le costruzioni più famose dobbiamo citare l’ East River, il ponte di Brooklyn, il Ponte di Manhttan, Broadway, l’Empire State Building, il Rockefeller Center, Central Park, il Metropolitan Museum of Art.
Dal punto di vista economico, New York può essere considerata una città guida dell’economia mondiale per la numerosa presenza di banche, attività finanziarie, società di revisione contabili, agenzie immobiliari e studi legali. La Borsa di Wall Street è la più importante del mondo. A New York hanno anche sede numerose multinazionali operanti in tutto il mondo.