Ominide 14593 punti

Grosseto: le industrie

Sfruttati con metodo e continuità sono i giacimenti minerari: il ferro dell’Isola d’Elba, le piriti e il rame del Grossetano, il mercurio del Monte Amiata, i soffioni boraciferi di Larderello, l’alabastro di Volterra, il magnesio, il manganese e la lignite di varie località e, soprattutto, i marmi delle Alpi Apuane e di Siena, che alimentano un’intesa esportazione. Connesse con lo sfruttamento delle risorse minerarie locali sono le importanti industrir siderurgichr di Piombino e di Portoferraio e quelle meccaniche di Firenze, di Pisa e di Livorno; in quest’ultimo centro sono cospicue anche le attrezzature dei cantieri navali e quelle delle industrie elettriche, che hanno la particolarità di utilizzare la forza e il calore dei soffioni boraciferi della zona di Larderello. Molto prospere, infine, sono le tessiture di Prato e soprattutto le industrie alberghiere e turistiche, incrementate dalle grandi stazioni balneari della Versilia, dalle località idrotermali di Montecatini e di Chianciano, e dai centri di vileggiatura dell’Abetone e di Vallombrosa; esse però sono fiorenti specialmente nelle città, dove esistono attrattive artistiche e culturali di interesse internazionale. L’afflusso continuo di turisti e di forestieri sprona le attività artigianali tipiche di molte località. Ogni anno i prodotti dell’artigianato toscano sono esposti alla Fiera Internazionale dell’Artigianato, che si tiene a Firenze. Nell’Isola d’Elba si trovano i più importanti giacimenti di ferro dell’Italia: ecco una pala caricatrice nella galleria di una miniera.
In talune località appenniniche si hanno inverni rigidi a carattere prettamente continentale. Siena il duomo . la splendida facciata marmorea è un capolavoro dell'arte gotica italiana.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Principali industrie