Ominide 8039 punti

La distribuzione della popolazione in Valle d'Aosta

La Valle D'Aosta, abitata anticamente dalla popolazione celtica dei Salassi, fu conquistata nel I secolo a.C dai Romani, che vi fondarono il campo fortificato di Augusta Praetoria.
Nel medioevo divenne feudo di Umberto Biancamano, conte di Savoia, ma godette di una certa autonomia.
Sempre fedele allo Stato Sabaudo, passò a far parte della regione piemontese dopo l'unificazione d'Italia.
Staccata dal Piemonte subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, è da allora una regione a statuto speciale, quindi dotata di una particolare autonomia amministrativa. Essa confina a nord con la Svizzera, a ovest con la Francia, a sud e a est con il Piemonte.
La popolazione della Valle d'Aosta oltrepassa di poco i centomila abitanti, cioè il livello di una città di media importanza. Modesta è anche la densità della popolazione, inferiore a quella di tutte le altre regioni e province italiane. Il numero degli abitanti cresce, anche se lentamente, perchè l'emigrazione verso l'estero è cessata, tranne un movimento stagionale per la Francia e la Svizzera, mentre si riscontra una certa immigrazione operaia dal Sud e dal Veneto.

L'unica città è rappresentata da Aosta, il capoluogo regionale, che ospita un terzo della popolazione della Vallata. Gli altri centri sono di piccole dimensioni.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità