Ominide 8039 punti

Demografia e modelli urbani - Danimarca

La popolazione danese ha iniziato a crescere notevolmente nella seconda metà dell'Ottocento, con la graduale industrializzazione del Paese. Il tasso di urbanizzazione è in continuo aumento, e la maggior parte degli abitanti risiede nelle città. E' soprattutto Copenaghen,la capitale, ad attirare la maggior parte della popolazione; gli altri centri danesi hanno in genere dimensioni modeste.
La Danimarca è costituita da cinque province con una distribuzione della popolazione disomogenea: la più alta densità abitativa si registra nell'Isola di Sjaelland; le altre regioni, in particolare la Penisola dello Jylland, sono poco abitate.
Copenaghen, la capitale, con le sue linde casette, le botteghe e i canali che la percorrono, ha l'aspetto di una città fatata. Su uno dei suoi canali viveva lo scrittore Hans Christian Andersen; la statua della sirenetta nel porto di Copenaghen ricorda una delle sue più celebri fiabe. Copenaghen è un'importante città commerciale, grazie al porto ben attrezzato e posto in favorevole posizione per i commerci con la Svezia. Per questo motivo era chiamata la "Porta del Baltico". Tra le industrie tradizionali rilevante è quella delle porcellane, che risale al XVIII secolo, tra cui raffinerie di petrolio, cantieri navali, impianti chimici.

Arhus sorge sulla riva orientale della Penisola dello Jylland ed è un centro industriale importante, con un porto molto attivo.
Odense, capoluogo dell'Isola di Fionia, è una delle più antiche città danesi e oggi la terza città del Paese: è infatti un moderno centro industriale e un importante porto commerciale.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email