Ominide 287 punti

Il Canada


Confini

Il Canada occupa la metà del continente nordamericano ed è il secondo paese al mondo per estensione, dopo la Russia. Confina a NORD con il Mar Glaciale Artico, a NORD-OVEST con l'Alaska(USA), a SUD con gli Stati Uniti, a EST con l'oceano Atlantico, e a OVEST con l'oceano Pacifico. Oltre alle coste dell'Atlantico e del Pacifico, il Canada si affaccia anche sul Mare Glaciale Artico, facendone il paese con la linea costiera più lunga del mondo. A nord, le isole artiche si trovano a 800 km dal Polo Nord. A causa del clima rigido del nord, solo il 12% del terreno è coltivabile. Ne consegue che la popolazione, composta da 30 milioni di abitanti, vive in maggioranza nella frontiera meridionale del paese dove il clima è più mite, in una striscia lunga e sottile che va dall'Atlantico al Pacifico.

Territorio

Il territorio canadese è grande quasi come l'intera Europa. E' anche un paese giovane che fu prima abitato a nord dagli eschimesi e a sud dalle tribù indiane e poi fu colonia contesa da Francia e Inghilterra. I vari scontri fra Inghilterra e Francia ha fatto oggi il Canada una nazione bilingue, anche se periodicamente il Quebec (la provincia più grande del Canada ,l'unica provincia canadese dove il francese è la lingua ufficiale) chiede via referendum l'indipendenza. La morfologia del territorio canadese è per gran parte pianeggiante, con rilevanti catene montuose solo a occidente, tra cui le Montagne Rocciose Canadesi (con cime fra i 3000 e i 4000 metri), poste a ovest, e la Cordigliera presente nella parte occidentale del paese, larga circa 700Km, e comprende lo Yukon, l'Alberta occidentale, la Columbia britannica e le isole antistanti. A occidente si eleva la catena costiera (Coast Range) che culmina a Nord nei monti Sant'Elia dove si trova la vetta più alta del Canada che è il Monte Logan alto 6050 metri. Ancora più a occidente della catena costiera corre un'altra catena, in parte sommersa dal mare, le cui cime emergono dalle acque formando un lungo cordone di isole e caratteristici fiordi. La maggior parte del territorio canadese è compresa nel cosiddetto scudo canadese che circonda a ferro di cavallo la baia di Hudson. E' poco elevato e composto da una successione di colline arrotondate dall'erosione glaciale, è sparsa di laghi, la regione va dal Mar Glaciale Artico all'Atlantico ove presenta, nella penisola del Labrador, un orlo molto rialzato (oltre i 2000 metri). Lo scudo canadese presenta il tipico paesaggio della Tundra Nord e, per il resto, immense foreste di conifere. A Ovest dello scudo canadese si stendono le cosiddette Grandi Pianure che si elevano lentamente da oriente a occidente e proseguono verso Nord l’analoga regione statunitense. La foresta domina anche qui, ma nelle parti meridionali cede il posto alla regione detta delle praterie, una distesa piatta o lievemente ondulata, con radi alberi. Affacciata a Oriente sull'Oceano Atlantico, gli Appalachi comprende la parte della provincia del Quebec, situata sulla destra del San Lorenzo. Prevalgono le colline rotondeggianti, mentre lungo le coste si hanno modeste pianure. La regione è in gran parte coperta di boschi.

Idrografia

Ci sono circa due milioni di laghi in Canada che coprono circa il 7,6% del territorio canadese. I laghi principali sono lo Huron, il Lago del Grande Orso, il Lago Superiore, Great Slave, Winnipeg, Erie ed Ontario. Il lago più grande che si trova interamente in Canada è il Lago del Grande Orso nei Territori del Nordovest. Il fiume San Lorenzo (lungo 3 058 km) è il fiume più importante del Canada e fornisce una via fluviale per le navi che vanno dai Grandi Laghi all'Oceano Atlantico. Il fiume canadese più lungo è il Mackenzie, che scorre per 4 241 km attraversando i Territori del Nordovest. Altri grandi corsi d'acqua sono lo Yukon e il Columbia (che attraversano il territorio degli Stati Uniti per alcuni tratti), il Nelson, il Churchill e il Fraser - nonché altri grandi affluenti quali il Saskatchewan, il Peace, l'Ottawa, l'Athabasca e il Liard.

Flora

La vegetazione del Canada é di formazione abbastanza recente. Le foreste canadesi hanno avuto origine infatti solo dopo l'arretramento dei ghiacci che 15.000 anni fa ricopriva l'intero paese, all'infuori della costa occidentale. Il Canada ha otto tipi di formazioni vegetali riconducibili ad altrettante zone climatiche. All'estremo nord, oltre il limite della fascia forestale, si stendono le desolate pianure rocciose della tundra artica, la cui vegetazione é costituita essenzialmente da licheni e da piccoli fiori selvatici dalla fioritura molto breve. Il clima particolarmente rigido di questa zona impedisce la crescita di alberi e cespugli. La foresta boreale é la regione vegetale più vasta e quella che meglio rappresenta il Canada. La foresta boreale contiene la più alta concentrazione di alberi del paese tra i quali quelli più comuni sono l'abete bianco, l'abete del balsamo, il pino grigio e l'abete montano. Nella regione orientale, a sud della foresta boreale, si trova la foresta dei Grandi Laghi e del Fiume San Lorenzo composta da un insieme di conifere nordiche e di latifoglie; abeti, pini, tra cui il maestoso pino strobo, ma anche querce, aceri, betulle e altre specie sono gli inconsapevoli artefici degli incredibili colori autunnali canadesi. La foresta delle Montagne Rocciose é composta di specie sub-alpine come l'abete di Engelman, l'abete montano e i larici. Nelle zone di alta quota sono comuni anche il pioppo e il pino lodgepole.

Fauna

La fauna canadese è molto simile a quella dell'Europa settentrionale e dell'Asia. Nella regione artica dell'estremo nord, dove domina la Tundra, troviamo grandi mammiferi come la Renna; il Lemming; la Volpe Artica; l'Orso Polare; lungo le coste e nei mari il Tricheco, il Narvalo e il Beluga. Nella zona subartica domina la foresta boreale; la fauna del luogo è composta da numerosi cervidi, come il Wapiti e l'Alce, dalla Lepre Americana, Lupi, l'orso Bruno , Visoni, Donnole e Ghiottoni; nelle zone occidentali, dove si trova la parte finale della catena delle montagne rocciose troviamo il Puma, la Capra delle Nevi e la Lince. Verso Sud la foresta boreale lascia il posto alle foreste di latifoglie e conifere; in questa zona troviamo in particolare Procioni, Castori, Marmotte.

Clima

Altra caratteristica fondamentale è il clima: il Canada è una delle nazioni più "fredde" al mondo. E forse proprio a causa del clima, non è mai stato toccato da immigrazioni di massa, sovrappopolazione o da un eccessivo sfruttamento del territorio. Ne ha beneficiato la natura: è infatti uno degli ultimi paradisi ambientali rimasti sulla terra. Gli inverni sono molto rigidi nella maggior parte delle regioni del Paese, particolarmente nell'entroterra dove le temperature medie durante tale periodo oscillano intorno ai −15 °C, con picchi sotto i −40 °C. Nello Yukon le medie di gennaio arrivano a −34 °C con un record di −59 °C. La costa occidentale del Canada gode di inverni meno rigidi dell'interno e piovosi, con temperature medie in gennaio anche superiori a 0 °C. Le precipitazioni nevose sono discontinue e non durano più di due settimane. La costa orientale ha un clima continentale con inverni freddi ed estati fresche .A nord il clima è artico a causa della corrente fredda del Labrador. Nell'interno del Labrador il clima è circa dello stesso tipo per la latitudine ma gli inverni sono un po' più freddi e le estati un po' più calde. D'estate nelle regioni costiere le temperature più alte si aggirano intorno ai 20 °C, mentre all'interno le temperature medie estive variano tra i 25 e i 30 °C con punte di 40 °C.

Storia

Prima dell’arrivo e dell’insediamento degli europei il territorio corrispondente all’attuale Canada fu abitato, nella zona settentrionale, da gruppi di indigeni di origine asiatica, gli eschimesi, distribuiti in piccoli gruppi di cacciatori e pescatori. Tra la fine del ‘400 e l'inizio del ‘500 ci fu una dura "concorrenza" fra le nazioni europee, Spagna, Portogallo, Francia e, appunto, la Gran Bretagna. Nel corso dei secoli, Spagna e Portogallo subirono una profonda crisi che le tagliò fuori dalla conquista del nord America, lasciando campo libero agli altri concorrenti. Nel 1608 la Francia creò la prima colonia nella regione del Quebec. A differenza dei francesi, i britannici, si stabilirono nelle zone più orientali del Canada (Terranova e Nova Scozia), al confine con le famose Tredici Colonie che diedero vita agli Stati Uniti. Pertanto, la competizione tra coloni francesi e inglesi per il controllo del territorio portò a diversi conflitti. Le due potenze europee si contendevano non solo le vastissime zone del Nord America, ma anche le Indie occidentali (cioè le isole caraibiche). Gli scontri più duri (e definitivi) si ebbero agli inizi del 1700 e videro la vittoria dei britannici. Dopo l'ennesima serie di scontri, nel 1763, i britannici ebbero di nuovo la meglio sui francesi. Col trattato di Parigi, Londra ottenne il controllo di tutto il Nord America, anche se in Canada i francesi mantennero la loro autonoma, sia linguistica che religiosa, grazie al cosiddetto Atto del Quebec del 1774.

Popolazione

La popolazione canadese ha origini inglesi e francesi, le due lingue ufficiali. La comunità francofona è concentrata nella regione del Québec. Poi ci sono minoranze di nativi, al contrario degli emigranti che vengono da vari Paesi. Malgrado le dimensioni è uno dei Paesi con minore densità di popolazione, a causa del clima rigido. La popolazione si concentra a sud, nelle grandi città come Toronto, Montréal e Vancouver. Ottawa è la capitale. Si pratica per la maggior parte il cattolicesimo, ma anche il Protestantesimo. Il Canada è riconosciuto per la qualità della vita, che è una delle migliori nel mondo. Lo Stato investe grandi risorse nella ricerca. Il Canada è diviso in dieci provincie e tre territori, è indipendente dalla Gran Bretagna dal 1931 ma appartiene al Commonwealth, il capo dello Stato è il sovrano del Regno unito, rappresentato da un governo generale, nominato da primo ministro canadese.

Economia

Il Canada è il dodicesimo paese al mondo con il PIL più alto. In questo stato si sono formati un tenore di vita e una efficienza della manodopera e delle strutture straordinaria. La sua economia si è potuta sviluppare soprattutto grazie alle risorse energetiche tra cui il gas, il petrolio e i metalli grezzi, presenti in grandi quantità nel territorio canadese. Si estraggono per la maggior parte il nichel, il platino, l’amianto, l’argento, l’uranio, ma anche il piombo, il rame e lo zinco. Grazie alle risorse idriche, soprattutto presenti a sud, oggi il Canada occupa la prima posizione mondiale per la produzione di energia idroelettrica. I maggiori prodotti agricoli canadesi sono costituiti dal mais, orzo, frumento, che esporta anche in Italia, patate e avena, olio di colza, girasole e soia. C’è da dire che solo il 4% del territorio è coltivato e l’agricoltura è soprattutto diffusa nei territori delle pianure meridionali e nelle vicinanze dei Grandi Laghi. Sono molto importanti l’allevamento dei bovini e la pesca. Tra le industrie si distinguono per importanza quella meccanica, della carta, del ferro, dell’acciaio ed elettronica. I servizi del settore terziario più importanti sono invece le banche, il commercio, la comunicazione e il turismo. Il Canada esporta soprattutto petrolio, carbone, metalli e gas naturale e si può dire che la sua maggiore borsa è situata a Toronto.

Bandiera

La bandiera è il simbolo dell'unità del Paese, in quanto rappresenta, senza ombra di dubbio, tutti i cittadini del Canada senza distinzione di razza, lingua, credo o opinione. La bandiera ufficiale, quella che tutti oggi conoscono, è stata approvata solamente 50 anni fa, esattamente il 22 ottobre 1964. Il bicolore rosso-bianco-rosso con una foglia d’acero rosso sullo sfondo bianco fu approvato dal parlamento canadese il 22 ottobre 1964: la scelta fu lunga e complicata e le discussioni si protrassero per oltre sei mesi, tanto che gli venne dato un nome: “The Great Flag Debate”, il grande dibattito sulla bandiera. In Canada si festeggia il “giorno nazionale della bandiera” il 15 febbraio, perché fu presentata per la prima volta davanti al parlamento a Ottawa il 15 febbraio 1965. Nella storia del Canada, spesso e volentieri si trovano i colori rosso e bianco che rappresentano la Francia e l'Inghilterra, paesi che hanno contribuito a fondare il Canada. Secondo molti storici, già sin dal 1700 la foglia d'acero veniva usata quale simbolo canadese; l'acero fu proclamato albero nazionale del Canada il 25 aprile del 1996.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email