VIP 2446 punti

AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI IN ASIA


In tutta la fascia centro-settendrionale l’agricoltura è limitata o impedita dalle condizioni climatiche,per cui le attività hanno per lo più un carattere estensivo : allevamento nomade,caccia,pesca,agricoltura tradizionale.
Fanno eccezione i territori semiaridi dell’Asia centrale in cui è stata introdotta l’irrigazione per l’impianto di estese piantagioni di cotone e coltivazioni di frumento.
L’agricoltura è fortemente limitata dalla scarsità d’acqua e dall’aridità del clima anche nell’Asia occidentale.
Tuttavia,in Israele dove questa attività occupa meno del 3% dei lavoratori e può sfruttare un suolo non molto fertile ,si hanno produzioni importanti grazie ad attrezzature moderne e a efficienti sistemi di irrigazione.
Nell’Asia meridionale e orientale,regioni ricche di acqua grazie alle piogge monsoniche, l’agricoltura è un’attività molto importante: in alcuni Paesi assorbe la maggior parte della popolazione attiva,ma presenta anche situazioni di grande produttività,come la coltura del riso (Cina, India,Indonesia) e quelle di piantagione (tè in India,Sri Lanka, Cina; caucciù nella Malaysia e in Indonesia; cotone in Cina e India).

LE RISORSE NATURALI
L’Asia possiede immense risorse forestali, da quelle della taiga siberiana,ancora poco sfruttate,a quelle delle regioni monsoniche ed equatoriali (bambù, sandalo e canfora),dove invece molta della superficie forestale si è degradata in seguito alle pratiche agricole.
Per quanto riguarda l’energia,l’Asia centro-occidentale è l’aria del mondo più ricca di petrolio e gas naturale,seguita dalla Cina; i maggiori bacini carboniferi sono situati in Siberia e in Cina.
L’Asia è dotata anche di numerosi giacimenti di risorse minerarie,come ferro (ancora Siberia e Cina), tungsteno, nichel,cromo; per lo stagno,la Malaysia è il maggiore produttore mondiale,seguita da Indonesia e Thailandia.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email