Video appunto: Acquiferi e falde freatiche
A causa dell'inclinazione dell'acquifero, l'acqua freatica si accumula senza potersi diffondere lateralmente. L'acqua della falda non può raggiungere la superficie, perché è bloccata dallo strato impermeabile. Nelle falde imprigionate l'acqua si trova pertanto sotto pressione, come se scorresse in una condotta forzata, e tende a risa-lire spontaneamente quando lo strato impermeabile che la sovrasta viene perforato.
La superficie alla quale l'acqua arriverebbe se non esistesse la copertura impermeabile è detta superficie piezometrica.

Se si scava un pozzo in una falda imprigionata, l'acqua risale spontaneamente e raggiunge un livello che viene definito livello piezometrico. Se la bocca del pozzo è situata al di sotto del livello piezometrico, l'acqua zampilla (pozzo artesiano zampillante); se invece la bocca del pozzo sovrasta il livello piezometrico, l'acqua risale senza raggiungere la superficie (pozzo artesiano saliente). È possibile rappresentare l'andamento della superficie piezometrica di una falda imprigionata, individuando le linee che uniscono i punti di questa superficie che si trovano alla stessa quota. Le linee che si ottengono sono chiamate linee isopieze e sono assimilabili alle isofreatiche.
Oggi l'inquinamento degli acquiferiè una delle principali cause di inquinamento dell'acqua