Ominide 2487 punti
L'Unione Europea
L'Europa, per secoli divisa in numerosi Stati spesso in conflitto tra loro, negli ultimi decenni è cambiata profondamente, come la nascita dell'Unione europea (Ue), una realtà nuova e originale in campo mondiale. Infatti, l'Unione europea non è né un "super Stato" che si propone di sostituire gli Stati esistenti, né un'organizzazione internazionale simile all'ONU, bensì una unione di Stati che hanno creato una serie di istituzioni comuni alle quali hanno delegato parti fondamentali della loro sovranità su questioni di carattere economico, sociale e culturale. In cinquant'anni, attraverso progressive aperture, si è passati da 6 Stati fondatori nella prima comunità europea ai 27 Stati nel 2007. Insieme, essi formano oggi un territorio che si estende dal Circolo Polare a Cipro e dell'Irlanda alla Romania e una ricchezza pari al 25% del PIL mondiale.
La nuova moneta Europea: l'euro
Uno dei principali passi verso l'unificazione economica e la formazione del mercato unico europeo è stata, senza dubbio, la creazione della moneta unica, l'euro. La sua importanza risulta evidente se pensiamo alla storia del nostro continente: mai più, dopo la fine dell'impero romano, gli europei avevano avuto una moneta comune. La nascita dell'euro è stata il risultato di un processo lungo e difficile, iniziato nel 1979 con la creazione del Sistema Monetario Europeo (SME), allo scopo di dare luogo a un'area monetaria stabile. Nel 1995 è nato ufficialmente l'euro. Il primo gennaio 1999 il valore in euro delle valute nazionali è stato fissato in maniera irrevocabile e la nuova moneta è stata introdotta nelle amministrazioni pubbliche e nelle banche. Per l'Italia il valore dell'euro è stato fissato a 1936,27 lire.
Il primo gennaio 2002 le banconote e le monete euro sono entrate in circolazione al posto delle vecchie monete nazionali. Nel 2007 avevano adottato l'euro 13 stati dell'Unione.
Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email