Genius 16188 punti

Piante irregolari e miste


Le piante irregolari

Contraddistinguono le città sorte senza un preciso progetto. A condizionare
la forma di queste città è in alcuni casi il rapporto con il territorio.
Il centro storico, per esempio, può essere situato sulla sommità di una collina, mentre il resto della città si sviluppa sui bassi versanti e in pianura. Le vie che salgono verso il centro storico sono strette e tortuose e seguono percorsi irregolari. Con questo tipo di pianta si presentano molte cittadine di impronta medievale situate in Umbria, in Toscana e nelle Marche, come Urbino, Orvieto, Todi, San Gimignano e tante altre. Un esempio di pianta irregolare è la città di Orvieto


Le piante miste

Le piante miste contraddistinguono le città che assommano le caratteristiche delle diverse piante esposte in precedenza, grazie ai successivi ampliamenti cui l'abitato è andato incontro nel corso dei secoli.
Per esempio, la pianta di Ferrara consente di distinguere due nuclei storici:
-il primo, racchiuso nelle antiche mura, è di origine medievale;
-il secondo, caratterizzato dalla presenza di grandi palazzi e di vie rettilinee, è di origine rinascimentale.
Anche Napoli presenta una pianta mista, con una zona a pianta circolare con al centro piazza Garibaldi e una zona attigua a pianta ortogonale compresa tra corso Umberto e via Foria. I quartieri periferici e quelli del porto hanno una pianta irregolare. Un esempio di pianta mista è la città di Napoli
Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email