Ominide 2005 punti

Economia dell'Abruzzo


L’Abruzzo è una regione italiana di circa 1.300.000 abitanti. La regione nonostante uscisse distrutta dal dopoguerra, è stata in grado di risollevarsi grazie alla nascita delle industrie, diventando una delle più ricche del Meridione. Il PIL pro capite abruzzese è pari a circa all’85% del Pil medio nazionale. L’agricoltura e l’industria di trasformazione sono focalizzate principalmente su produzioni d’eccellenza, in particolare ortaggi (principalmente pomodori), salumi e formaggi.
La transumanza, un tempo estremamente diffusa, ha pesantemente diminuito il suo apporto all’economia Regionale. La zona maggiormente industrializzata è la Provincia di Teramo, dove sono sorte numerose industrie, principalmente metalmeccaniche, di trasformazione alimentare e del settore delle telecomunicazioni.

L’artigianato ha sempre avuto una forte presenza, anche nelle zone interne, morfologicamente più impervie. Nella zona della Val di Sangro sono presenti industrie automobilistiche. Il turismo è presente sia in ambito balneare (Ortona, Giulianova, Montesilvano) che sciistico (Pescasseroli, Passo Lanciano e Campo Imperatore). Numerosi sono stati i tentativi da parte degli Enti Locali di favorire lo sviluppo dell’industria turistica, dato che da sempre la regione risulta essere fra le meno visitate in Italia.
Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email