VIP 2446 punti

DIVERSI TIPI DI CLIMA IN ASIA

Le principali regioni climatiche che caratterizzano il territorio asiatico sono quella fredda a nord, quella arida al centro,quella umida che comprende le zone interessate dai monsoni a sud delle montagne centrali e le isole più meridionali.
L’Asia fredda
La parte centro-settentrionale del continente è aperta verso il Mar Glaciale Artico.
I venti polari possono penetrare in profondità nella Siberia,rendendo il clima particolarmente rigido.
La vegetazione risente delle condizioni climatiche estreme.
Nella fascia più settentrionale, adiacente all’Artico,cresce la tundra,una steppa fredda,fatta di muschi e licheni.
A sud essa passa gradualmente alla foresta di pini e altre conifere,la taiga.
Anche sulle grandi catene centrali il clima è caratterizzato da lunghi inverni freddi ed estati fraschi: qui si incontra una vegetazione formata da boschi e pascoli di tipo alpino.

L’Asia arida
L’Asia arida abbraccia un altro terzo del continente,dall’Arabia alla Mongolia.
In parte è coperta di steppa,un ‘’mare d’erba’’ regno dei pastori nomadi,con le loro mandrie di cammelli,dromedari,pecore e capre.
In parte,invece,è pressoché priva di vegetazione,nelle aree desertiche dove le precipitazioni sono praticamente assenti.
A ovest in corrispondenza del Tropico del Cancro vi sono i deserti caldi,soprattutto quello della Penisola Arabica. Verso la parte interna del continente,dove i mari sono troppo lontani per fornire l’aria umida necessaria a scatenare le precipitazioni,si estendono i deserti freddi,come quello del Gobi,una delle aree più aride del pianeta.
L’Asia umida
A sud delle catene montuose, il clima è tropicale,con l’alternanza di una stagione secca e di una umida,determinata dalla presenza dei monsoni.
In quest’area si incontrano savane,distese erbose punteggiate da alberi più o meno radi,e giungle ,fitte foreste i cui alberi perdono le foglie durante l’inverno ,che è la stagione secca. La gran parte delle foreste originarie è stata diboscata per far posto alla coltivazione del riso.
Nell’arcipelago indonesiano,ormai a cavallo dell’Equatore, il clima è caldo-umido,mitigato tuttavia dall’azione dell’oceano. Anche qui l’originaria foresta pluviale,densa di alberi di grandi dimensioni e sempreverdi,si sta riducendo a causa dell’azione dell’uomo,che cerca di recuperare tutti gli spazi possibili per l’agricoltura.
Anche gli arcipelaghi orientali godono i benefici effetti del clima oceanico,con inverni miti anche a latitudini settentrionali ed estati molto piovose per l’azione dei monsoni.

Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email