Circuito elettrico
Immaginiamo di creare un flusso di cariche utilizzando il campo elettrostatico generato da due sfere cariche di segno opposto, e collegate con un filo metallico. In questo modo si ha lo spostamento di elettroni nel filo, dalla sfera negativa alla sfera positiva. Il flusso continua sino a quando le cariche si neutralizzando. Per creare un flusso continuo di elettroni nel tempo occorre un generatore di corrente, ossia un sistema capace di creare due accumuli di cariche opposte in due diverse zone del circuito dette poli, e di mantenerli nel tempo, mantenendo la variazione di potenziale costante. Si stabilisce così un campo elettrico che determina il movimento degli elettroni che si muovono dal polo negativo al polo positivo. Il flusso ordinato i cariche costituisce la corrente elettrica.
Si definisce intensità di corrente elettrica la carica che attraversa una sezione del conduttore in una unità di tempo i=Q/variazione di tempo.

Circuito elementare
Quando il circuito è chiuso, fra i due poli si registra una differenza di potenziale . I punti del circuito hanno un potenziale che diminuisce passando dai punti più vicini al polo + ai punti più vicini al polo -. In questo caso si dice che si ha una caduta di tensione. Tutti i conduttori hanno una resistenza R che indica la difficoltà incontrata dalla corrente elettrica a fluire. Anche il generatore possiede una resistenza interna r.

Hai bisogno di aiuto in Elettricità  e magnetismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email