Baruch Spinoza


Spinoza estende il meccanicismo dall'aspetto materiale a quello spirituale, quindi è più razionalistico di Cartesio.
Estende il meccanicismo non solo all'aspetto materiale, ma anche a quello spirituale: a tutta la realtà. Da una sola idea, razionalmente, ricava tutto il quadro del mondo (per questo fu più razionale di Cartesio).
Monismo: concezione della realtà come unità. L'intelligenza e la volontà non sono distinte, ma sono due aspetti (diversi) di una stessa attività, quella psichica. Dio coincide con l'universo, che non dipendono tra loro unilateralmente ma anche Dio dipende dal mondo.
Concetto di determinismo assoluto coincide con la libertà assoluta.
Spinoza pretende di ricavare tutta la realtà da una sola idea innata: Dio. Dal solo concetto di Dio con una serie di dimostrazioni, ricava tutto il quadro del mondo. Può essere definito il massimo rappresentante del razionalismo. È molto più coerente di Cartesio e molto più discutibile. Attraverso il ragionamento puro. Perché secondo Spinoza anche il mondo psichico è geometricamente ricavabile dalla sola idea di Dio. Tratterà anche le passioni umane seguendo un metodo geometrico da Dio. Tutto è determinato rigidamente anche lo spirito. In lui si compongono due dimensioni il rigore matematico (determinismo) e una dimensione mistica (l'amore intellettuale di Dio, visione totale delle cose). Coesistono abbastanza armonicamente. Rende in significante il problema Cartesiano (corrispondenza tra psiche e corpo).

Sostanza: si rifà alla definizione di Cartesio perfezionandola, sostanza può essere soltanto Dio, non come in Cartesio con l'aiuto di Dio anche tutto il mondo materiale e spirituale.

Spinoza razionalista

Se la causa non ha un effetto non è causa.
Un arco è concavo o convesso, se è concavo è convesso dalla parte opposta e viceversa.
È un monismo di Spinoza, meglio definito, è più chiaro di quello di Bruno.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email