Habilis 4709 punti

Schelling: scienza e filosofia[/h2]


Scienza e filosofia

La filosofia della natura di Schelling non esprime tanto una posizione antiscientifica,quanto l’idea di un primato della filosofia sulla scienza. Nella natura opera un legame unitario,una copula. Schelling ritiene di poterne descrivere gli aspetti e i processi essenziali non contro la scienza,ma seguendo i nuovi sviluppi di questa. Per lui,quindi,la filosofia è interpretazione di tali sviluppi e inserimento in un quadro d’insieme di tutto ciò che le scienze particolari ci fanno conoscere. Tale visione unitaria,propria della filosofia,manca invece alla scienza. Afferma Schelling,il fine più alto della natura è quello di diventare oggetto a se stessa,cioè di affermarsi come riflessione,coscienza.

Filosofia trascendentale e dell’identità

Se è vero che la natura è un processo infinito che dall’oggetto procede verso il soggetto,è anche vero l’opposto:che la vita dello spirito procede verso la natura. In Schelling non c’è più il problema di giustificare come il pensiero possa giungere alla realtà,poiché vi è un’unica realtà,quello dello spirito:il mondo esterno è come un libro aperto,nel quale è possibile ritrovare la storia del nostro spirito. Anche nello spirito,cm nella natura,esiste un principio di polarità fra forza creativa e forza di limitazione di tale attività. Sensazione,riflessione,volontà sono gradi di un processi di liberazione dello spirito che è analogo a quello attraverso il quale la natura procede dalla materia inorganica alla natura organica. Il culmine di tale processo spirituale è la volontà:su di essa si fonda la filosofia pratica. La moralità è espressione e affermazione della libertà dell’uomo e richiede l’etica,cioè una libertà generale capace di garantire e conciliare le libertà individuali. L’etica si pone oltre l’ordinamento giuridico e oltre lo Stato,che è puro strumento di tale libertà. Cm Kant descrive una società mondiale,una specie di Stato negli Stati che ponga fine alle guerre. Tale ideale è un fine razionale della storia,ma non una sua legge necessaria. Così la storia non può essere oggetto di previsioni cm quelle operate dalla scienza della natura. Secondo Schelling lo spirito e la natura,la libertà e la legge naturale possono armonizzarsi a un livello superiore che non può che essere il fondamento dell’oggettivo e del soggettivo,del conscio e dell’inconscio:è l’Assoluto come identità di Spirito e natura.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email