Ominide 168 punti

POSITIVISMO

Il positivismo è un movimento filosofico e culturale che nasce in Francia nella prima metà dell’Ottocento e si impone a livello europeo e mondiale nella seconda metà del secolo ed è caratterizzato da una esaltazione della scienza. Il termine positivo viene assunto in due significati fondamentali:
- positivo è ciò che è reale, sperimentale, in opposizione a ciò che è astratto p
- positivo è ciò che è pratico, efficace, in opposizione a ciò che è inutile.
Il termine viene utilizzato da Comte che lo applica alla propria dottrina consacrandone l’uso nella terminologia filosofica. Il positivismo appare caratterizzato da una celebrazione della scienza: la scienza è l’unica conoscenza possibile, il metodo ella scienza in quanto è l’unico valido va esteso a tutti i campi. Questo ottimismo si traduce in un vero e proprio culto per il pensiero scientifico e tecnico. Il positivismo si configura come una ripresa originale del programma illuministico all’interno della nuova situazione storico sociale postrivoluzionaria.

Positivismo e illuminismo presentano della affinità:
- fiducia nella ragione e nel sapere
- esaltazione della scienza a scapito della metafisica
- visione laica della cultura
nello stesso tempo positivismo e illuminismo presentano delle differenze:
- mentre gli illuministi hanno combattuto contro forze culturali e sociali dominanti facendosi promotori degli interessi della borghesia contro l’aristocrazia, i positivisti agiscono in una mutata situazione intellettuale e sociale (consolidazione della borghesia)
- mentre gli illuministi appaiono indirizzati a una fondazione gnoseologica e critica della scienza, i positivisti ritengono che il compito della filosofia sia quello di ordinare il quadro complessivo delle scienze
il positivismo si nutre dell’assolutizzazione della scienza.
Idealismo e positivismo sono due filosofie profondamente diverse: l’idealismo nasce in Germania esprimendosi in termini di filosofia speculativa e si afferma in una società in cui non vi è stata la rivoluzione borghese o industriale, il positivismo nasce in Francia esprimendosi in termini di scienza e progresso e si afferma in una società che ha conosciuto la rivoluzione politica e industriale. Tuttavia il positivismo si rivela come il romanticismo della scienza (infinitizzazione del sapere positivo).
 Nel positivismo si afferma la figura dello scienziato, nel romanticismo quella del poeta
 Nell’ottocento la psicologia, la sociologia diventano materie indipendenti, si staccano dalla filosofia
 Si afferma l’impossibilità della metafisica ad arrivare ad una verità assoluta, non viene riconosciuta come metodo conoscitivo (anche Kant lo affermò)
 Caratteristica comune: primato della scienza  base del progresso umano
 Si arriva alla considerazione del primato della scienza: i vantaggi, l’aiuto, l’utilità che la scienza porta nella vita umana
 Positivismo: scienza (pratico, opposizione a ciò che è astratto); Illuminismo: ragione (astratta) s

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email