Video appunto: Montesquieu - Pensiero filosofico

Montesquieu



Importante è considerare il contesto in cui visse Montesquieu, l'Antico regime, concetto elaborato dalla Rivoluzione che ha definito il passato. I punti principali che hanno fatto reagire Montesquieu ad alcune dinamiche avviate dal potere assoluto esercitato dal re:
    A causa dell'idea illuminista, la modernizzazione della società e il nuovo sistema di produzione economica hanno creato conflitti, e creazione della borghesia.


    Controllo centralizzato, in nome del potere assoluto che deve avere il controllo di tutto nelle mani del re e per sono state create istituzioni per garantirlo;


La logica della centralizzazione era forte in Francia, dal 1624 e grazie al ruolo di Richelieu e Mazarino, e per cui questa idea di assolutismo portò alla creazione di un forte sistema di tassazione, di consigli ed esercito, e soprattutto di "intendenti", rappresentanti della il potere nelle province, nei consigli reali, nelle corti reali, ecc. I rappresentanti del potere reale misero in discussione il ruolo delle altre istituzioni e organi come il Parlamento, che non erano intesi nel senso moderno ma erano per lo più tribunali di giustizia che avevano il diritto di veto e il diritto di registrare gli atti al fine di essere efficace.

La resistenza del Parlamento iniziò a farsi forte, e alla fine il conflitto fu tra due diverse concezioni di rappresentazione della Nazione: secondo la concezione classica della monarchia era il re nella sua persona a rappresentare la Nazione, secondo altri, esponenti del nobile costituzionalismo ribellismo-gotico, erano istituzioni come il parlamento a rappresentarlo.
Il principale elemento di conflitto di Montesquieu è volto a difendere l'importanza del ruolo del corpo intermedio che il re mette in discussione creando istituzioni come quelle, questo elemento giocherà un ruolo nel conflitto tra i monarchi e lo Stato generale, e così nella rivoluzione.
Montesquieu era il presidente del parlamento di Bordeaux, quindi faceva già parte di questo conflitto di difesa del suo ruolo.

Ha scritto due libri importanti: Lo spirito della legge (1748) e Lettera persiana (1721)
Entrambe sono critiche alla monarchia francese, perché va contro l'antica tradizione.
È un autore eccentrico, non costruisce un sistema filosofico, ma è considerato invece il primo sociologo, che utilizza i fatti per confrontare le diverse costituzioni del mondo, utilizzando i dati storici delle istituzioni politiche mondiali e mettendo a confronto società e periodi diversi.
Le società sono il risultato di un'evoluzione storica e della naturale socievolezza delle persone, quindi non elabora una dottrina contrattualistica.

Essendo un giurista ebbe la sua idea di diritto, per la quale è più famoso, chiamata "lo spirito del diritto".
Le leggi sono a suo avviso il risultato di relazioni tra la natura delle cose, quindi l'applicazione della ragione umana negli eventi in cui l'uomo reagisce, ma sono diverse da un contesto all'altro: usa un approccio comparativo, non pensa che le leggi possano essere le stesse ovunque (i filosofi direbbero che le leggi sono universali), può essere definito in relazione al relativismo; pensa che le leggi siano l'espressione della ragione umana, ma il modo in cui queste si traducono in leggi politiche e civili dipende dal contesto.

Ci sono a suo avviso molte forme di diritto: divino, naturale, positivo (che può essere diviso in politico - riguardante il rapporto tra governanti e cittadini -, civile - riguardo ai rapporti tra individui - e leggi delle nazioni).
Esempio sullo Spirito delle leggi: sono molti i fattori da prendere in considerazione e che spiegano anche le differenze tra le varie forme di legge, perché anche se Montesquieu considera la Costituzione britannica come una delle più importanti , di una costituzione moderata (apprezza il modo in cui era strutturata e come i poteri sono distribuiti, che aveva la libertà come ideologia accomunante e l'unico scopo di mantenerla) non direbbe che sia possibile tradurla e trasportarla in Francia, poiché ha una sua Costituzione e le sue leggi, con “uno spirito della legge” diverso dall'altro. Non crede in un perfetto modello universale, ma non pensa che sia impossibile esportarli.
In generale, i paesi sono influenzati da molti fattori diversi - lingua, cultura, storia - che formano uno spirito di nazione riflesso nello spirito della legge.
Montesquieu in alcuni elementi riflette ancora alcuni degli stereotipi tipici del XVIII secolo, ma può essere considerato allo stesso tempo piuttosto moderno.

Forme di governo



Identifica monarchia, repubblica e dispotismo, diversi da quello tradizionale (monarchia, oligarchia e democrazia). L'elemento di novità da lui offerto è rappresentato dal fatto che lui le forme di governo sono quelle tre, e la sua innovazione si basava sull'analisi dei paesi asiatici (da cui proviene il dispotismo), con un ampio ambito di analisi, egli non si è concentrato solo sul mondo occidentale, ma anche sulla costituzione e lo spirito delle leggi dei paesi asiatici.
Un altro elemento di innovazione è il fatto che ogni forma ha la sua natura e i suoi principi.
Per natura egli intende il modo in cui ciascuna forma di governo è costituita, la organizzazione e la struttura specifica; con principi identifica le passioni umane che mettono in moto il governo e lo mantengono in movimento. Non distingue le forme di governo solo dal numero di persone coinvolte, come nella concezione tradizionale (monarchia = una persona; oligarchia = poche persone, democrazia = più persone), ma introduce anche un altro criterio, incentrato sul modo in cui funzionano, la loro organizzazione.

Governo repubblicano



1. Natura = o il corpo collettivo delle persone di particolari famiglie ha il potere supremo, o potrebbe essere una repubblica democratica o aristocratica;
2. Principi:
- in un democratica = virtù, l'elemento tradizionale del pensiero repubblicano (l'idea che in una Repubblica ci sia la necessità di avere persone virtuose poiché tutti sono coinvolti, devono lavorare insieme e rimanere uguali, virtù come amore dell'uguaglianza);
-in un aristocratico = moderazione (quel gruppo di famiglie al potere non dovrebbe esagerare e fare troppe differenze e misurare il livello di disuguaglianza già presente)

Monarchia



Natura = il principe ha il potere supremo e lo usa in conformità con le leggi, seguendolo;
Principio = onore, che si basa sul ruolo dell'ambizione, perché gli individui vogliono essere riconosciuti per il loro valore e considerati diversi dagli altri - la monarchia non si basa sull'uguaglianza, tutto non può essere considerato uguale (tentativo dei monarchi) .Se non rispetti il ​​ruolo dei corpi intermedi e di certi ranghi di persone, stai mettendo a rischio la monarchia, l'onore tra le persone è fatto per lavorare per sostenere una monarchia;

Dispotismo



una sola persona che governa non seguendo la legge, ma secondo la propria volontà = nessuna conformità con la legge (è già corrotta);
Principio = paura, passione che è presente in ogni persona, con la quale è possibile mantenere il suo potere. Non considerato legittimo.

A partire dall'idea di diverse forme di governo c'è un'inclinazione, secondo Montesquieu, legata alla pace o alla guerra di una nazione.
Monarchia = è incline alla guerra, e questo è legato all'avere l'onore come principio;
Repubblica = più favorevole alla pace, per limitare la guerra;
Dispotico = non sarà in grado di fare la guerra, essendo basato sulla paura non avrà soldati ed esercito.
Esiste quindi un legame tra le forme di governo e l'inclinazione alla guerra e alla pace
La soluzione ideale per una Repubblica, esposta all'invasione di Stati più forti, sarebbe creare una federazione, un'unione di repubbliche, che diventerebbe più forte fuori, mantenendo la pace all'interno; anche il commercio è un modo per stabilire relazioni pacifiche tra le nazioni.

Libertà politica



Montesquieu può essere considerato liberale, ma non come Locke, perché il suo obiettivo principale è capire come e in quali modi sono la garanzia delle libertà degli individui. Identifica molti principi importanti che influenzerebbero la rivoluzione americana e francese:
L'importanza di avere libertà è legata alla presenza della legge, ed è lo spazio che abbiamo nei limiti della legge. In quel momento la libertà non era tra le preoccupazioni dei governanti, qui abbiamo le prime elaborazioni su uno dei fondamenti del nostro pensiero costituzionale. L'obiettivo della legge è proteggere la nostra libertà (mentre per Locke la libertà era possibile solo nel silenzio della legge). Le leggi sono preliminari alla libertà degli individui.
Esempio: in Hobbes l'obiettivo principale è la sicurezza e l'ordine, non il mantenimento della libertà (silenzio della legge), per Montesquieu è mantenere la libertà, così come per Locke. Egli teorizza sull'importanza delle certezze del diritto (lo stato di diritto), oltre a quelle che chiama leggi civili e buone leggi penali.

Le leggi sono fatte in modo da proteggerci dagli abusi di potere, ma se guardiamo alle istituzioni anche i governi possono agire in modo favorevole sia per garantire libertà o non farlo. Il governo moderato concede la libertà e porta avanti il ​​rispetto della libertà individuale.

In conclusione, quando il potere viene esercitato nel rispetto della libertà, abbiamo un governo moderato, a causa della divisione dei poteri.
È da Montesquieu che il filosofo rivoluzionario darebbe l'idea della separazione dei poteri. Parla di un governo moderato dove non c'è alcuna possibilità per un singolo potere di andare oltre il suo dominio, un altro potere lo frenerebbe. Dovrebbe esserci un controllo del potere: un fattore importante per prevenire abusi e violazioni è dovuto al fatto che ogni potere dovrebbe agire in modo che ognuno abbia bisogno di rimanere nei suoi limiti.

Questi sono gli elementi di adattamento politico più importanti che assicurano il rispetto della libertà politica.
Esempio: il concetto di controllo e contrappesi, nessun potere può eccedere il suo mandato.

Esiste un governo moderato a seconda del modo in cui viene esercitato il potere: la separazione dei poteri, la costituzione e la natura della forma di governo è rispettata così come il ruolo degli organi intermedi. La monarchia costituisce un buon esempio, poiché è garantita dagli organismi intermedi.
Ciò che è più pericoloso non è se lo stato passa da una monarchia a una repubblica o viceversa (da una forma moderata a un'altra di governo moderato), ma quando si trasforma un moderato in un dispotico (tentativo di Luigi XIV).