John Locke

Problema etico – politico

Per Locke la monarchia giusta è quella costituzionale. I Diritti sono inviolabili perché sono naturali.
1) l'uomo già li possiede da quando è nato, quindi sono inviolabili (diritto alla vita, alla libertà, alla proprietà).
2) L'uomo si organizza in società, i tre poteri devono assicurare il migliore godimento dei diritti naturali.

Problema religioso

Locke cerca la religione naturale, generale, evidente, priva di quei particolari che distinguono una relizione dall'altra.
Che esiste un Dio, per tutti è vero (naturale). Possiamo eliminare le differenze religiose? È possibile affidandosi alla ragione, individuare l'essenza, i principi irrinunciabili, essenziali delle religioni e quindi unificare l'umanità con la ragione? E la rivelazione? Questa deve essere sempre controllata dalla ragione.

La rivelazione è uno dei mezzi attraverso i quali si ha la conoscenza, ma l'ultima? Spetta alla ragione
Religione: 1) universale, 2) razionale, 3) naturale (deismo)
1) perché coglie i principi fondamentali di ogni religione.
2) perché essi sono ricavati razionalmente.
3) perché è così che deve essere.
La religione ufficiale che più si avvicina a quella naturale è il cristianesimo.

Problema politico

Ogni uomo capisce che tutti come lui hanno diritto agli stessi beni. Lo stato è imperfetto, allora gli uomini si riuniscono in comunità.

Separazione dei poteri

L'uomo virtuoso, in modo intelligente, cura i propri interessi e verso gli altri.

Rivelazione, dogma e trinità

E' una dimensione che non si può comprendere totalmente con la ragione.

La matematica costituisce un mondo creato dalla mente umana, ecco perché è valida. Non c'è il problema della corrispondenza tra idee e col materiale.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email