Lorep di Lorep
Ominide 1403 punti

Feuerbach

Con Hegel l’uomo camminava sulla testa secondo Feuerbach, per questo c’era bisogno di un cambiamento radicale, bisognava capovolgere i termini hegeliani. Per poter camminare sui piedi Si deve negare Dio e riconoscere le proprie capacità (Ateismo positivo) nel negarlo si dà all’uomo ciò che gli spetta. Feuerbach Interpreta la religione come alienazione“Il mistero della teologia è l’antropologia” il discorso dell’uomo su Dio non è altro che un discorso su sé stesso,una forma di antropologia ancora inconsapevole. L’uomo si credeva inferiore non aveva la percezione delle proprie capacità e dunque si metteva alle dipendenze di Dio

Le capacità dell’uomo sono tre:
Amore
Volontà
Ragione


La sua filosofia è dunque il filantropismo(Amore per l’uomo)

La religione è per Feuerbach vera e falsa:

-Vera perché è una prima forma di autocoscienza dell’uomo;
-Falsa in quanto nella religione l’uomo proietta se stesso fuori di sé.

Il suo intento si configura come quello di una liberazione dell’amore dalla fede al fine di indirizzare nuovamente e direttamente l’amore dell’uomo all’uomo stesso, preservandolo dallo smarrirsi nell’amore per Dio.

"Homo homini deus est" viene così eliminata la fede, considerata come l’unica fonte di tutte le debolezze e perversioni del cuore umano,l’uomo non potrà che apparire e manifestarsi in tutte le sue capacità.

"Teologia mascherata o razionalizzata" è la formula usata da Feuerbach per sottolineare come l’idealismo hegeliano sia nient’altro che la traduzione, in termini «speculativi», della religione cristiana: «Chi non rinunzia alla filosofia di Hegel, non rinunzia neppure alla teologia».

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email