Ominide 4103 punti

Leonardo - Il metodo

Leonardo afferma che la scienza è sintesi di esperienza e di ragionamento. Egli rifiuta perciò le teorie già costituite, anche se portano il nome di Aristotele, e intende interrogare direttamente la natura nella quale si trovano le ragioni delle cose. L'esperienza è dunque la prima fonte del conoscere perché offre l'immagine immediata e genuina delle cose. Ma la sola esperienza non è sufficiente (Leonardo dice che i meri empirici assomigliano al nocchiere che guida una nave senza timone o bussola): occorre che essa sia congiunta col ragionamento che spiega e interpreta i dati della stessa esperienza, chiarendo e mostrando le ragioni nascoste per cui i fatti accadono in quel modo e non in un modo diverso.

Infatti Leonardo, seguendo il modello del Platonismo rinascimentale, concepisce la natura costituita razionalmente e considera il mondo un grande organismo in cui le singole membra sono legate intimamente fra loro e formano una sola realtà, come le molteplici parti del corpo umano, pur svolgendo ciascuna un compito particolare, agiscono in funzione di tutto l'essere e concorrono unitariamente alla conservazione ed allo sviluppo dell'individuo. Questa razionalità della natura congiunge le cose fra loro in rapporto di necessità.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email