Ominide 2147 punti

Critica di Feuerbach alla filosofia Hegeliana

Feuerbach accusa la filosofia hegeliana di essere una forma di teologia
Entrambe infatti alienano l'essenza umana in una realtà posta lontana dall'uomo. Mentre nella teologia l'essenza umana é alienata in Dio, nella filosofia di Hegel l'essenza umana é alienata nello Spirito Assoluto, ossia nel pensiero. Nella filosofia hegeliana Dio diventa l'essenza della Ragione stessa.
Dio, quindi, non é più rappresentato come essenza autonoma, distinto dalla ragione.
Secondo Feuerbach, quindi, Hegel ha commesso lo stesso errore della filosofia: cercare di ridurre il finito dall'infinito, ma in realtà Hegel ha ricavato le determinazioni dell'infinito partendo dalla realtà finita.

La religione secondo Hegel e Feuerbach
Religione secondo Hegel:
La religione ha lo stesso contenuto della filosofia ma è inferiore e il contenuto è visto come una rappresentazione.

La religione è inferiore alla filosofia poiché la filosofia esprime gli stessi contenuti della religione, ma a livello piu’ alto.
Negazione dell’immediatezza dell’Arte. Nella Religione l’Assoluto viene colto sotto forma di rappresentazione intellettuale (forma riflessiva di conoscenza nella quale l’Assoluto - ovvero lo Spirito che pensa se stesso – non viene più dato nell’immediatezza della sensibilità, ma appunto nell’elemento della riflessione).
Nella religione l’uomo conosce già l’Assoluto nella sua vera natura, che è spirito (mentre nell’arte la forma sensibile si limitava ad alludere intuitivamente ad esso), ma non giunge a cogliere tale spirito nella sua unità organica, perché lo fraziona ancora in una molteplicità di rappresentazioni. Nella Religione lo spirito si manifesta, quindi, sotto la figura di Dio, ma utilizza questo modo per manifestarsi per essere accettato attraverso la fede. Dio, di fatto, “media”, “rappresenta” lo Spirito Assoluto.

Religione secondo Feuerbach:
La religione è la prima autocoscienza che l’uomo ha di se stesso in quanto Dio è la prima impostazione. Dio è un’invenzione dell’uomo in quanto proietta in lui i suoi desideri e i suoi bisogni vedendoli realizzati. Dio quindi non esiste. La religione ha un contenuto positivo: scoprire l’essenza dell’uomo. L’uomo solo negando Dio si riappropria di se stesso.
- Colpa del Cristianesimo: aver condotto alla rinuncia delle qualità umane a favore di Dio

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email