Ominide 234 punti

Metodo Cartesiano e Compiti del Filosofo


Metodo Cartesiano


Cartesio, istruito dai gesuiti nel collegio di La Fleché, ritiene di non aver appreso un criterio per distinguere il vero dal falso. Egli cerca un metodo teoretico e pratico dove la filosofia non è pura speculazione ma consente all' uomo di facilitarsi la vita con l'ideazione di congegni, egli è molto ottimista per quanto riguarda il progresso.

Cartesio ricerca un criterio unico e semplice con il fine: vantaggio dell' uomo sul mondo.

Le Scienze matematiche possiedono già un ragionamento di questo tipo, ma estrarre il metodo e applicarlo non è sufficiente, è necessario giustificarne l'applicazione.
I Compiti del Filosofo nei confronti dell' ideazione di un metodo conoscitivo di questo tipo sono quindi, secondo Cartesio:
• Formulare le regole del metodo
• Fondare il valore assoluto del metodo
• Dimostrare la validità del metodo in tutti i campi del sapere

Cartesio inoltre individua anche le regole del metodo stesso, queste regole sono:
Evidenza: Accettare come vero solo quello che si presenta come chiaro e distinto
Analisi: Suddividere un problema in tanti sottoproblemi più semplici
Sintesi: Passare gradualmente da conoscenze più semplici a conoscenze più complesse
• Controllare l'applicazione delle precedenti attraverso i processi di Enumerazione e Revisione.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email