Ominide 6531 punti

Cartesio - Indagine filosofica e metodo


Cartesio è il nome latinizzato del filosofo francese Renè Decardes. Cartesio è un filosofo molto importante dell’età moderna perché Cartesio svolge nell’ambito filosofico il ruolo che Galileo svolge in campo scientifico. Inoltre Cartesio è l’iniziatore di un orientamento filosofico che è uno di quelli più importanti di tutta l’età moderna: il razionalismo. L’altro orientamento filosofico che si sviluppa durante l’età moderna è l’empirismo. Cartesio e Spinosa sono i due maggiori rappresentanti del concetto di razionalismo moderno. Il punto di partenza della riflessione filosofica cartesiana è l’analisi filosofica che Cartesio fa del suo tempo. Cartesio vive nella seconda metà del XVII secolo, periodo che, dal punto di vista politico è caratterizzato dall’assolutismo e dalla nascita degli stati moderni, mentre dal punto di vista culturale è caratterizzata dalla nascita di un sapere nuovo, la scienza di Galileo: un sapere universale e necessario. Cartesio crede che sia necessario individuare un metodo che permetta di svolgere un percorso corretto e giungere a conclusioni vere e anch’esse corrette.
Per questo motivo la sua prima opera si rivolge all’individuazione di un metodo: il discorso sul metodo. In quest’opera Cartesio cerca di individuare qual è il procedimento che la nostra mente deve attuare per giungere all’acquisizione di quelle conoscenze certe, sicure e corrette: la matematica. Egli pensa di aver individuato il metodo, fornisce infatti le cosiddette “regole del metodo”: l’evidenza, l’analisi, la sintesi, la enumerazione o verifica finale.
L’evidenza consiste nel non accettare come certa nessuna idea che non appaia evidente. Cartesio afferma che evidenti sono le idee chiare e distinti. Un’idea è chiara quando la cogliamo in maniera immediata, quando ne comprendiamo immediatamente il fondamento e la verità; è distinta quando non si confonde con nessun’altra idea.
L’analisi consiste nel prendere ciò che è compresso e nel ridurlo all’unità dei suoi componenti.
La sintesi è il processo opposto all’analisi: consiste nel prendere l’unità dei componenti di un processo per capire ciò che è compresso.
L’enumerazione o la verifica consiste nel vedere se tutti i passaggi sono stati svolti in modo corretto.
Cartesio afferma che se quando pensiamo svolgiamo questi passaggi saremo in grado di pensare correttamente.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email