g.ca di g.ca
Ominide 106 punti
Questo appunto contiene un allegato
Bruno, Giordano - Vita e Filosofia scaricato 0 volte

Giordano Bruno


Giordano Bruno, nasce nel 1548 a Nola. A 15 anni entrò nel chiostro domenicano di Napoli.
Il suo punto di vista per quanto riguarda la religione lo costrinsero a lasciare l’Italia vagando in diverse corti europee, soggiornando dapprima a Parigi dove pubblicò la commedia “Il candelaio e le ombre delle idee” e successivamente a Londra. Insegnò a Parigi, Marburgo e Francoforte, dove terminò i “Poemi latini”.
Dopo essere rientrato a Venezia, venne denunciato all’Inquisizione, rimase in carcere per 8 anni e il 17 febbraio del 1600 condannato al rogo a Campo dei Fiori, a Roma.
Tutti gli scritti di Giordano Bruno hanno in comune l'amore per la vita. Dall'amore per la vita nasce il suo interesse verso la natura, considerata animata. Bruno considera la religione come un insieme di superstizioni contrarie alla natura. Per questo nei suoi scritti presenta una satira anticristiana.
L’infinità dell’universo viene collegata all’infinità dell’essere, rappresentata da Dio.
Definisce Dio in due modi:
1) mente sopra tutte le cose
Essendo 'sopra tutte le cose' è trascendente, quindi inconoscibile se non attraverso la fede.
2) mente presente in tutte le cose
Essendo 'presente in tutte le cose' è immanente, quindi conoscibile attraverso la ragione.
Se dovessimo dire qual è la corrente del pensiero che meglio di tutte rappresenta Bruno (per quanto sia un autore molto difficile da collocare), diremo l’ermetismo.

L'ermetismo


L’ermetismo è una tradizione di pensiero che risale ad Ermete Trismegisto. Agli inizi del 1600, si iniziò a sapere la verità su Ermete, Bruno non la sapeva. La verità su Ermete Trismegisto è che egli non è un personaggio reale. Ermete è Ermes, il dio greco, l’equivalente di mercurio; Trismegisto da “tris megas”, cioè
“Tre volte grande”.
Ermete è “tre volte grande” perché ha tre caratteristiche nella sua grandezza: lui è un re, un sacerdote e un filosofo. Per questo è tre volte grande, perché ha la grandezza del pensiero (filosofia), quella della religione (è un sacerdote) e quella del potere (è un re).
Ora, abbiamo detto che lui non è un personaggio reale. Al nome di Ermete Trismegisto si collocano una serie di testi che furono scritti da persone diverse (molte delle quali non sappiamo neppure chi fossero) tutti nell’epoca immediatamente successiva a Cristo (cioè più o meno dal II secolo d.C. in poi).
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Bruno, Giordano - Filosofia e pensiero