pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Gregorio di Nissa - Nous


Il noûs essendo infuso da Dio possiede in nuce le qualità divine: è inconoscibile e intellettuale (νοερόν) e incorporeo (ἀσώματον); è molteplice e multiforme (πολυμερὴς καὶ πολύσυνθετος) e, insieme, semplice e non composto (ἁπλοῦς καὶ ἀσύνθετος) (De hom. op. 11). Il noûs è quella dynamis che sta alla base di ogni attività vegetativa, sensitiva e razionale (ibid,, 2). La comunione (κοινωνία) del noûs con il corpo non si può intendere né all'interno del corpo né all’infuori di esso (ibid, 15). L'incorporeità del noûs esclude ogni sua circoscrivibilità e localizzazione in un organo del corpo (cervello, cuore, fegato). Piuttosto, "si unisce equamente (ὁμοτίμος) a ciascuna delle parti del corpo secondo un modo indicibile di mescolanza" (ἀνάκρασις) ed esercita le proprie potenze in ogni parte del composto umano (ibid., 12 e 15). Nel dividersi e spartirsi (pur rimanendo indivisibile e non spartibile) nelle varie attività sensibili, la natura del noûs si mescola nel composto umano attraverso queste (PG 44, 168 C 6/7) e ne trae convenientemente la conoscenza degli enti (ibid. 11). L'unità naturale dell'anima non si disperde con il predominio dell'attività di una delle sue potenze su una parte (ibid., 13). Nel composto umano, il noûs è governato da Dio e dal noûs è governato la vita, finché questa si conservi nell'ordine naturale; se se ne allontana, diventa estranea anche all’attività del noûs (ibid., 12). Il noûs essendo di tal natura, occorre che il corpo abbia una natura adatta per congiungersi con esso (ibid., 8). La dottrina gregoriana sul corpo (riproducente quella di Galeno) prevede che gli organi inerenti alla sua costituzione si dividano in tre categorie (ibid. 9): a) in quelli che garantiscono il vivere (τὸ ζῆν : il cervello, il cuore, il fegato; b) in quelli che offrono il vivere bene (τὸ εὖ ζῆν: gli organi delle sensazioni; l'assenza di qualcuno di essi non intacca il vivere) e c) gli organi che garantiscono la continuità e la successione della vita (gli organi sessuali).
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove