pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Tradizione ireniano-antiochena


Trae il nome d

A due riprese e in due diverse forme, in questo testo, Ireneo afferma la somiglianza con Dio impressa nell’uomo tutto intero : corpo (« l’ouvrage modelé ») e anima (« le souffle »). In altri passaggi insiste sulla dimensione visibile dell’Immagine di Dio nell’uomo, ciò che manifesta che egli considera che questa, riguardi, oltre all'anima, la dimensione visibile dell'uomo , cioè il suo corpo. Quest'>
a posizione di Ireneo è certamente correlativa alla sua visione unitiva della natura umana. Di fronte agli gnostici che definiscono tre categorie di uomini, i materiali, gli psichici e gli spirituali, il Vescovo di Lyon, risponde che ci sono te principi : il corpo, l’anima e lo Spirito, che insieme appartegono a ogni essere umano e non possono essere dissociati. Non è uno di quei principi che sarebbero a immagine di Dio, ad esclusione di altri, perché sarebbe solo una parte dell’ uomo che avrebbe portato l'immagine divina. Ma è tutto l'uomo, composto da questi tre principi, che "diventa immagine e somiglianza di Dio".

A Ireneo e agli altri in precedenza citati, noi possiamo aggiungere anche Tertulliano, Cyprien e Lattanzio che lasciano anch’essi intendere che il carattere di immagine nell’uomo è legata alla totalità della natura composta di un corpo e di un’anima.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove