Ominide 311 punti

Max Weber


Contesta Marx per aver ricondotto la storia a motivi economici. Secondo lui anche le premesse di ordine religioso sono premesse importanti per la storia. Weber ha un approccio più scientifico, si ha l’osservazione e l’analisi dei fenomeni, approccio che risente del positivismo, alternativo rispetto a quello di Marx. Si ha quindi una critica del materialismo storico che con la struttura dogmatizza il rapporto tra le forme di produzione e il lavoro. Weber adotta così la distinzione tra metodo generalizzate e metodo individualizzante, affermando che l’individualità dell’oggetto storico non è qualcosa che appartiene alla sostanza da indagare, ma è esito di una scelta individuale.
Il Capitalismo secondo Weber è unione di volontà di soggetto e disciplina razionale, e deve la sua forza all’etica calvinista, che vede l’eliminazione dell’elemento magico, una concezione antiritualistica, l’idea di predestinazione, per cui il successo mondano è simbolo di una salvezza eterna. la critica di Marx sta dunque nel non riconoscere la dogmatizzazione che viene data all’interpretazione storica.
Questione scienza:
quando scegliamo di studiare dei fenomeni facciamo riferimento ad alcuni valori che caratterizzano la società. Il sociologo fa riferimento ad un principio di scelta per il quale non si può studiare tutto e il campo di ricerca deve essere selezionato. Il fenomeno deve comunque essere inquadrato all’interno della società, ma senza avere una visione d’insieme, non c’è una visione universale, si parla di singoli processi.
La prostituzione è un fenomeno culturale. La scelta non si attua in base di importanza, non esistono fenomeni più rilevanti o meno. Lui sceglie di descrivere la prostituzione perché si colloca all'interno della società , all'interno di un sistema culturale. Non c'è un punto di vista globale che il sociologo fa proprio, ma viene preso un processo singolo e analizzato nella sua caratteristica
Studio avalutativo:
Per lui la scienza sociale è avalutativa, nel senso che cerca la verità, cercando di appurare il come e il perché dei fatti. La scienza deve spiegare non valutare. La scienza studia e non valuta i fatti, per ciò studia i fenomeni ma esclude valutazioni di merito (non valuta se è un fenomeno negativo o positivo). La scienza sociale è vista come una scienza al di fuori di ogni ideologia.
Il criterio di scientificità sta nel riuscire a produrre spiegazioni casuali, di elementi della realtà, questa selezione si attua in riferimento ai valori, che non ha nulla a che fare con il giudizio dei valori, i. giudizio personale è al di fuori della scienza. Non esistono secondo Weber valori assoluti, ma c’è un politeismo dei valori, che vengono scelti in base ad un principio di scelta personale. Per questo la scelta dei settori che lo studioso fa, non la fa per scelte intrinseca ma solo in riferimento ai valori del ricercatore stesso.
Etica protestante: protestantesimo fenomeno che trova collocazione in una società dove il piano economico è primario. Qui la religione è elemento di rinforzo, secondo Marx il protestantesimo porta al capitalismo , secondo Weber il protestantesimo fa da sostegno allo sviluppo economico.


Le opere

Le opere posso essere classificate in gruppi:
  • Studi storici
    Studi di sociologia e religione:l'etica protestante e lo spirito del capitalismo
    Trattato di sociologia generale.
    Scritti di Metodologia delle scienze storico-sociali
Weber è un sociologo economista e politico, per lui non esistono scienze privilegiate, lo scopo della scienza è quello di descrivere le verità analizzando i fatti, è un compito infinito che non trova mai una fine.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email