cefine di cefine
Ominide 1032 punti

Antonio Rosmini


Vive tra il 1797 e il 1855 in una famiglia molto ricca. È uno dei grandi oppositori di Hegel ed è conosciuto per lo più per l'elaborazione dell'idea di essere e del principio di sussidiarietà (su cui si basa la Chiesa Cattolica). Dal 2007 il teologo italiano è venerato come beato. Ciò che è di particolare nella sua critica ad Hegel e il contrasto con l’idea di stato etico: uno stato in cui si decide ciò che è giusto e sbagliato = non sempre qualcosa che dice lo stato è giusto per Rosmini.
Non è quindi la legalità a decidere ciò che è giusto, ma la moralità.

Se da un lato sviluppa una posizione totalmente anti-hegeliana, dall'altra la polemica è contro il sensismo e in particolare a Kant: la conoscenza per Rosmini non può ripiegarsi sul soggetto prescindendo completamente dall'oggetto. È stata una delle menti più attive: Manzoni lascia scritto su Rosmini che “è una delle 5 più grandi intelligenze che questo secolo abbia mai visto”. Era una mente notevole, che si interessava di tutto. Si occupa infatti di politica, diritto, matematica, fisica e in particolare di astronomia: aveva interessi che spaziavano in ogni ambito. Lo zio, Ambrogio Rosmini, è uno dei maggiori autori dei palazzi roveretani (Rovereto è la città natia di Rosmini, si trova in Trentino) e viene quasi dimenticato a causa del nipote.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email