pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Anche la pedagogia è una modalità di oggettivazione dello spirito; tuttavia, scade spesso in tecnicismo didattico, in artificiose classificazioni psicologiche che depauperano il rapporto maestro-allievo, facendolo degradare da atto a fatto. La religione è la oggettivazione dello spirito in «trascendenza», cosicché l'atto concreto del pensiero è immobilizzato nel suo contrario astratto. L'Attualismo gentiliano si propone come il «rovesciamento» simmetrico di ogni religione: infatti, indica nell'atto del soggetto la matrice immanente della realtà oggettiva; al contrario, la religione subordina la soggettività alla oggettività trascendente e pone la pienezza della coscienza umana al di fuori dell'uomo. V'è nell'Attualismo gentiliano una componente irrazionalistica e volontaristica, che può essere collegata al concetto fichtiano che l'azione precede e produce il pensiero. Secondo Gentile il «pensato» non è autentico pensiero, lo è invece, l'azione del pensare (il «pensiero pensante»); il soggetto pensante è, allora, «trascendentale», perenne creatività in atto, mentre ciò che esso oggettiva è l'«alterità», il «fatto» (in analogia a ciò che Fichte spiega circa la natura del «non io»). Il limite dell'Hegelismo (come è stato interpretato da Gentile) è la mancata comprensione dell'identità tra divenire e pensiero.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017