Ominide 817 punti

Sigmund Freud

Nasce nel 1856, di origini ebree. Era appassionato di zoologia ovvero lo studio degli animali. Studiò medicina a Vienna, dove nacque il suo interesse per le neuroscienze e la neuropsichiatria. Freud era uno studente prodigio, tanto che vinse una borsa di studio che gli permise di approfondire i suoi studi a Parigi, dove conobbe Charcot, il quale cercava di curare le donne affette da isteria. L’isteria è un pregiudizio, perché sono solo isteriche le donne e non gli uomini, infatti il termine isteria deriva dal greco e significa utero. La donna è isterica perché ha sbalzi ormonali causati dal ciclo. Charcot perciò cercava di curare l’isteria con il metodo dell’ipnosi. L’ipnosi fa addormentare la persona per far emergere la psiche. Freud seguì le orme di Charcot una volta tornato a Vienna. Si dice che Freud è il padre della psicoanalisi, la quale non è una scienza perché nasce come ricerca di indagine. Freud è inoltre l’archeologo del profondo dell’animo, cioè vuole esplorare cosa c’è dietro l’animo umano, infatti i concetti principali della psicoanalisi sono: 1) Concetto del determinismo psichico, infatti tutto quello che facciamo è determinato da esperienze precedenti. (l’adulto è il figlio del bambino che era prima) 2) Concetto dell’inconscio. (inconscio era già stato trattato da altri studiosi) l’inconscio è la parte buia, oscura, irrazionale presente nell’ apparato psichico dell’uomo, che non è possibile spiegare attraverso la ragione.

Questi due concetti hanno fatto scalpore tanto che le sue opere furono bruciate, in quanto sono due concetti originali e nuovi, dove si parla di libero arbitrio e di inconscio che non è possibile spiegare con la ragione.
Freud morì per un tumore alla mascella a Londra nel 1939.
La psicoanalisi. Psiche vuole dire anima, analisi significa dividere. Ciò significa che Freud vuole scomporre l’animo nelle parti fondamentali. Freud affermava che l’uomo agisce perché sono presenti in lui stimoli, meglio dire pulsione. Freud parla di:
- Pulsione di vita: caratterizzata dall’ eros ovvero l’amore; viene tradotto quindi con conservazione della vita.
- Pulsione di morte: caratterizzata dalla tamatos ovvero la distruzione; che viene tradotto quindi con autodistruzione della vita.
Freud inoltre parla di apparato psichico che è possibile dividere in zone, infatti elaborò il suo primo approccio intitolato “approccio topografico” (la topografia studia i luoghi o le zone). L’approccio psichico è diviso in tre parti secondo l’approccio topografico:
1) Inconscio che è la parte buia, oscura, irrazionale presente nell’ apparato psichico dell’uomo, che non è possibile spiegare con la ragione. Le vie regie permettono di interpretare l’inconscio:
- Sogni che sono i residui diurni, il sogno è il custode del sonno, per dormire noi sogniamo e quando dormiamo pensiamo.
- Lapsus che sono l’inconscio che emerge e può essere:
• Lingue
• Scritto
2) Preconscio può diventare inconscio ma anche conscio e dipende dal grado di concentrazione sul preconscio.
3) Conscio è la realtà/la ragione.
L’approccio topografico è qualcosa di statico perciò Freud creò l’approccio dinamico dove è presente la metafora dell’iceberg. Io è il conscio. Principio della realtà. È presente la mediazione dove il bambino si rende conto che ci sono regole da rispettare. Io Ideale è il ragazzo che cresce e comincia a formare i propri ideali. Super Io è la coscienza e il giudice di tutte le nostre azioni. Es preso dal filosofo Nietzsche e significa quello/esso. Nell’ Esempio prevale la libido che è il principio del piacere. La libido è il piacere e prevale maggiormente nei bambini, anche presente negli adulti in maniera ridimensionata.


La teoria di Freud è lo sviluppo psicosessuale del bambino. I primi cinque anni di vita del bambino sono rilevanti per capire quale personalità avrà il bambino da adulto. Analizzando il corpo Freud nota che ci sono dei fori che chiama zone erogene, che sono causa e origine delle emozioni. In base alle zone erogene bisogna considerare cinque fasi:

1) Fase Orale (1°anno di vita del bambino) La bocca è la prima fonte di conoscenza del mondo esterno, inoltre soddisfa il suo bisogno primario ovvero mangiare. La prima fonte di piacere è la madre. Se la fase è negativa il bambino da adulto avrà un personalità aggressiva potenziale.
2) Fase Anale (2°-3° anno di vita del bambino) Il bambino si rende conto che con l’ano può espellere o trattenere le feci. Qui nasce una sorta di onnipotenza nel bambino, come se potesse controllare il mondo. se a fase è positiva il bambino crescerà positivo e sereno. Se subentrano le azioni educative allora il bambino avrà una personalità stitica ovvero avida e amara.
3) Fase Fallica (3°-4° anno di vita del bambino) È il periodo specifico della sessualità del bambino, nel quale scopre la sessualità maschile e femminile. Il bambino si rende conto che ha una cosa in più rispetto alla bambina e la bambina a sua volta pensa di avere qualcosa in meno. In questa fase si sviluppa il cosiddetto complesso di Edipo che consiste in una relazione immaginaria che il bambino instaura con il genitore di sesso opposto. Ad esempio il bambino si innamora della madre da voler prendere il posto del padre tanto da volerlo uccidere.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email