pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Freud - Caratteristiche della libido


  • La psicanalisi è una teoria che si propone di spiegare la struttura e la dinamica del nostro apparato psichico nei suoi tratta fisiologici e patologici. La nostra mente si compone di un conscio accessibile per mezzo della memoria e di un inconscio non accessibile dove vengono immagazzinate quelle cose da noi non accettabili o dolorose come traumi. Le esperienze rimosse sono cancellate dalla memoria ma non scompaiono. I desideri repressi vengono soddisfatti ma in modo mascherato e falsato.
    Freud si soffermò a studiare il ruolo del desiderio e della sessualità in quanto la maggior parte dei suoi pazienti fondava le sue problematiche traumatiche sulla sfera sessuale dell’età infantile. La pulsione sessuale è portatrice di un’energia definita come libido. La libido è quindi un energia orientata alla ricerca del piacere. L’uomo si costituisce anche di un’altra energia che è quella dell’aggressività orientata alla conservazione della specie. Durante l’infanzia ogni bambino attraversa tre fasi, una fase orale che consiste nel provare piacere mediante la bocca in funzione del bisogno di nutrirsi. Una seconda fase è quella anale dove il bambino prova piacere per via degli sfinteri e dell’uretra mediante il trattenere ed il lasciar andare. La terza ed ultima fase è quella fallica che consiste nel provare piacere mediante la manipolazione degli organi sessuali. È a questa fase che si ha la conoscenza della differenza tra un sesso e l’altro. Segue all’infanzia un periodo di latenza dove le pulsioni sessuali in qualche modo vengono messe da parte per essere poi riprese con l’adolescenza e ripercorse secondo una modalità differente che da inizio alla fase genitale. Essa parte dal superamento del complesso di Edipo in poi.
    Già da piccoli si provano quindi delle attrazioni sessuali nei confronti dell’altro sesso rappresentato dalla figura genitoriale che portano al contempo sia ad una venerazione del genitore del sesso opposto che a un conflitto con il genitore dello stesso sesso. Questo complesso viene superato quando il bambino capisce che la madre non può essere tutta a sua disposizione perché in qualche misura “appartiene al padre”. Il bambino allora prende come esempio il padre e si identifica con esso per instaurare una relazione sana anche con lui. La sovra potenza del padre viene sentita dal bambino come una minaccia paterna nei confronti dei suoi organi genitali (complesso di castrazione), fonte del desiderio colpevole.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017