Bergson: mappa concettuale

Tempo della scienza e tempo della vita
Il tempo della scienza è una costruzione formale di tipo fisico-matematico.
Il tempo della vita coincide, invece, con il fluire automatico della coscienza.

Tempo della scienza:
-ripetibile;
-quantitativo;
-omogeneo;
-reversibile;
-discontinuo;
-ha spazio e tempo;
-astratto,esteriore;
esempio: collana di perle.

Tempo della vita:
-unico, irripetibile;
-qualitativo;
-eterogeneo;
-irreversibile;
-continuo;
-non ha spazio e tempo;
-concreto,interiore;
-si identifica con la durata;
esempio: gomitolo di lana.

L'evoluzione
Per Bergson l'evoluzione è:
-legge universale che guida la vita di tutti gli esseri viventi;
-il prodotto dello slancio vitale, cioè di un'energia spontanea e creatrice che vivifica la materia;

-un percorso libero e imprevedibile che imprime alla materia le forme più svariate.

Lo spiritualismo:
-ha come oggetto di indagine l'interiorità umana;
-afferma il primato dello spirito, inteso come divenire e libertà, rispetto alla materia.

La filosofia dell'azione:
-intende la filosofia come "auscultazione" della coscienza cioè di quell'attività pratica o creativa che dà vita al mondo morale, religioso e sociale;
-concepisce la storia come divenire incessante, azione e libertà.

Morale, immagine e percezione
Morale: coscienza come durata e conservazione integrale del passato.
Immagine: materializzazione operata dal cervello di un evento passato.
Percezione: facoltà che ci lega al mondo esterno, selezionando i dati più utili per la vita e l'azione.

La vita è:
-creazione continua, libera e imprevedibile;
- conservazione integrale e automatica dell'intero passato;
-slancio vitale, forza cieca e irrazionale.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email