pexolo di pexolo
Ominide 10558 punti

Il termine greco è presente nella filosofia moderna e contemporanea per indicare aspetti o comportamenti dell’attività sessuale o della vita affettiva in genere. Peri greci l’Amore è una forza unificatrice ed armonizzatrice, muove le cose e le tiene insieme (p.e. in Esiodo o Empedocle). Platone nei dialoghi Simposio e Fedro ha offerto la prima trattazione filosofica dell’Amore, determinante per tutta la filosofia seguente: innanzitutto Eros è un demone e non un dio, figlio di Povertà (Penia) e Risorsa (Foros), forza destinata a colmare mediante la Saggezza (madre di Foros) una carenza. In secondo luogo Eros è amore per la bellezza, la quale a sua volta è un modo di manifestarsi del bene, pertanto attraverso varie forme di bellezza (da quella sensibile a quella spirituale) l’amore giunge alla forma suprema, l’amore della sapienza, cioè la filosofia. Questa concezione platonica si è poi intrecciata, trasformandosi, con quella cristiana dell’amore, e si parla di agape, caritas, amore di Dio per gli uomini e degli uomini per Dio (Agostino). Eros come momento di congiunzione tra finito ed infinito ritorna poi con Spinoza e attraverso lui nel romanticismo, dove tuttavia emerge l’ambiguità di amore in connessione con la morte (p.e. Leopardi, Schopenhauer, Novalis). Infine ancora Freud mostra le interrelazioni di eros e thanatos (morte), pur avendo in precedenza presentato una concezione di eros come libido, che riprendeva il mito greco.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Storia della filosofia della religione