Platonismo e Aristotelismo

Durante l’umanesimo vi fu una vera e propria riscoperta di Platone. (accademie)
Perché
-la figura più affascinante della classicità
-antagonista di Platone
-il più adatto a spiegare l’inquietudine dell’uomo
-il filosofo più vicino alla religione cristiana (il più adatto a spiegare il rapporto tra dio e l’uomo)
Circostanze storiche
-concilio di Firenze: unione chiesa greca e latina
-caduta di Costantinopoli: molti letterati si sposteranno verso occidente e porteranno con loro gli scritti fino ad allora sconosciuti di Platone.
-traduzione rinascimentale.
Aristotelismo (università)
Averroisti ed Alessandrini
Sottogruppi dell’aristotelismo
Averroisti: sostenevano l’esistenza di un unico intelletto separato e immortale, l’individuo concreto invece è immortale
Alessandrini: considerano l’individuo mortale e negano l’esistenza di un’entità superiore.
I temi comini ai due
-mentalità naturalistico-razionale
-si occupano di: gnoseologia e problema dell’anima
Teoria della doppia verità
Si vuole dimostrare che se una cosa è vera nella fede può essere vera anche razionalmente.
Averroè afferma che una cosa può essere simultaneamente vera in filosofia e falsa in teologia.
L’ importanza dell’aristotelismo nella storia
-contribuisce a spostare la ricerca sulla natura
-difende la ragione come mezzo per la conoscenza
I limiti
-gli aristotelici continuano a tenere come riferimento la fisica di Aristotele senza tener conto delle innovazioni scientifiche.
Disputa tra Aristotelici e Platonici
Platonici: esigenza di una rinascita religiosa,
Aristotelici: rinascita della ricerca razionale.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email