Ominide 4479 punti

Parmenide

Parmenide nasce ad Elea(Velia),è il padre della scuola eleatica. La sua filosofia passa da un piano cosmologico a uno ontologico(dell'essere). Egli scrisse il poema Sulla Natura in cui le figure e le immagini del mito indicano la strada per raggiungere la verità attraverso 3 vie:
1) via della pura razionalità=la via della ragione(sicuramente vera)
2) via delle false opinioni=basata sui sensi(la via dell'errore,realtà instabile)
3) via della verità plausibile=formata da fenomeni percettivi e sensitivi ma anche da ipotesi razionali
Questo cambiamento filosofico scaturisce dalla situazione politica del tempo. Tutta questa teoria può essere condensata in una sola frase: "l'essere è e non può non essere,il non essere non è e non può in alcun modo essere". Cioè: ciò che esiste non può non esistere;ciò che non esiste non è in alcun modo pensabile. L'essere è ingenerato e incorruttibile infatti per essere generato sarebbe dovuto derivare da un non essere. Inoltre l'essere è senza inizio nè fine,non ha un passato nè un futuro e la fine può anche rappresentare un inizio quindi non nasce e non muore. L'essere è immutabile e immobile,infatti entrambi prevedono un non essere verso cui l'essere dovrebbe dirigersi. L'essere è indivisibile infatti è intero e definito ma continuo da tutte le parti come una sfera ed è uguale a se stesso da qualunque parte lo si osserva.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email