Sapiens 7299 punti

Le vicende della guerra con Sparta mettono in evidenza fino a qual punto la pòlis ateniese sia internamente disunita e lacerata. La debolezza dello Stato fa emergere la spinta alla realizzazione individuale come tendenza che si afferma senza più l’ancoraggio all’interesse collettivo. Se il valore dell’individuo prevale rispetto ad ogni altra istanza, l’educazione dei Sofisti può mettere gli individui contro lo Stato. Al centro del loro insegnamento vi è l’uomo e il suo interesse. Cresce la critica della religione, espressa in forme sempre più forti e radicali fino al punto di negare ogni trascendenza divina. L’opposizione alla pòlis si esprime nella contrapposizione netta tra “legge” e “natura”, tra nòmos e phsis. La prima è frutto di convenzione e di interessi di parte, la seconda ha valore assoluto ed esprime le tendenze universali dell’uomo.
Questa distinzione fra legge di natura e legge umana diverrà, col tempo, uno dei più importanti modelli teorici del pensiero politico e giuridico dell’Occidente, in particolare nell’età moderna. Ma nell’epoca qui considerata è anche riflesso delle vicende drammatiche attraversate dalle città greche. La durezza della guerra del Peloponneso, ad esempio, non è estranea a questa pessimistica considerazione sui limiti strutturali della legge, sulla sua debolezza a regolare la natura e la società umane. Egualmente si possono spiegare posizioni che celebrano la forza, la violenza e il dominio sugli altri. Il buon senso democratico e il moderatismo di Protagora sono, quindi, ben lontani.

Dopo la sconfitta, ad Atene il clima politico e culturale cambia radicalmente. Si produce quella che è stata definita una “reazione mistica” contro coloro che sono ritenuti responsabili della sconfitta e del disordine interno, In particolare, la critica feroce che i nuovi Sofisti hanno rivolto alle credenze religiose appare all’opinione pubblica come un attacco allo Stato, fonte di disordine e segno di depravazione individuale.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove