Ominide 1445 punti

Metafisica: Platone Vs Aristotele

La differenza principale fra i due filosofi consiste nel fatto che Aristotele ridà valore alle cose, perché dice che veramente reali sono i sinoli, l’unione di materia e forma, le singole cose, non le loro idee, come invece sosteneva Platone. Le idee per Aristotele sono estrapolate dalle cose, sono generalizzazioni, ma fanno capo al singolo individuo. Ad esempio il concetto di uomo non esiste al di fuori del sinolo, ma è la funzione comune di tutti gli uomini. Quella di Aristotele non è una visione trascendente della realtà come quella platonica, ma immanente. Tutte le cose ci sono dall’eternità e per l’eternità e non è necessario individuare un secondo mondo come quello delle idee platoniche, perché l’ordine si trova già in questo mondo. Per Aristotele le idee non sono separate dalla realtà ma costituiscono forme immanenti, immerse nella materia, che rappresentano l’essenza delle cose. La realtà è fatta di sinoli in cui forma e materia non si possono separare, pur dando una certa priorità alla prima sulla seconda. Aristotele in conclusione, a differenza del suo maestro Platone, dà molto più valore all’individuo rispetto all’universale, alle singole cose della realtà rispetto a idee che stanno in un secondo mondo.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove