Sapiens 7947 punti

La medicina ippocratica


Il quadro clinico

L’obiettivo centrale delle procedure di indagine dei medici di Coo è il conseguimento di un éidos, cioè di un’idea, di un quadro clinico, che si basi sulla ricostruzione della storia del malato e della malattia (anamnesi), sull’analisi delle cause (eziologia, da aitia, causa), sulla messa a fuoco dello stato presente, basato sull’interpretazione dei dati della malattia (diagnosi) e su una proiezione nel futuro (prognosi): “descrivere il passato, comprendere il presente, prevedere il futuro, questo è il compito”, afferma Ippocrate. La stessa terapia si lega a questa visione d’insieme: i suoi effetti vanno seguiti costantemente e il medico deve esser pronto a rivedere criticamente qualsiasi ipotesi, se l’esperienza la smentisce in tutto o in parte.
La scuola ippocratica sviluppa inoltre lo studio della genesi delle malattie, allargandolo alle condizioni climatiche, sociali e ambientali in cui vengono a trovarsi i diversi individui e popoli, e scopre l’importanza fondamentale che può avere, per il malato e per il suo equilibrio psico-fisico, un positivo rapporto con il medico curante.


I quattro umori

Il corpo umano è per gli ippocratici — come per i filosofi naturalisti dell’epoca —un sistema di equilibrio fra elementi diversi e la malattia è alterazione e rottura di tale equilibrio. In tal senso, anche nella scuola ippocratica tendono ad affermarsi modelli interpretativi di stampo speculativo, di probabile ispirazione empedoclea.
È il genero di Ippocrate, Polibio, a parlare per primo di un equilibrio essenziale di quattro umori: il flegma che proviene dal cervello, il sangue che deriva dal cuore, la bile gialla che viene prodotta dal fegato e la bile nera che si genera dalla milza.
La malattia va quindi curata con l’espulsione di un umore in eccesso, con diete appropriate e favorendo i processi naturali di riequilibrio che il corpo possiede. Agli
umori, poi, la tradizione medica di Coo legherà una teoria dei tipi psicologici, celebre quanto la prima: il flemmatico, il sanguigno, il collerico e il malinconico.
Dietro la scuola di Coo c’è un’idea compiuta, organica, della scienza e delle sue procedure, dei suoi compiti e delle sue finalità, che avrà un’influenza notevole sulle filosofie dell’epoca, in particolare su quelle di Platone e Aristotele. Inoltre le scuole mediche dell’età ellenistico - romana riprenderanno alcuni motivi fondamentali della scienza ippocratica portandoli praticamente nell’età moderna.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove