Ominide 372 punti

La metafisica come scienza delle cause prime (aitiologia)

La metafisica è presentata da Aristotele come ricerca delle cause prime, le cause per quanto riguarda il mondo del divenire sono quattro:
1. causa formale
2. causa materiale
3. causa efficiente
4. causa finale
Forma o essenza e la materia (1 e 2) costituiscono tutte le cose, causa e principio invece per Aristotele significano condizione e fondamento. Materia e forma sono sufficienti a spiegare la realtà, se lo consideriamo in modo statico, se invece la consideriamo dinamicamente, nel suo divenire, allora non bastano più. Se consideriamo un dato uomo staticamente, egli non si riduce ad altro che alla sua materia (carne e ossa) e alla sua forma (anima). Allora sono indispensabili due ulteriori ragioni o cause: la causa efficiente o motrice, cioè il padre che lo ha generato, e la causa finale, ossia il fine o lo scopo cui tende il divenire dell'uomo.

La metafisica come scienza dell'essere in quanto essere (ontologia)
Nessuna delle altre scienze considera l'essere in quanto essere universale. La metafisica considera l'essere come intero in quanto tale e vuole pervenire alle cause prime dell'essere come essere, ossia al perché che dà ragione della realtà nella sua totalità, mentre le scienze particolari si fermano alle cause particolari, alle semplici sezioni della realtà. Ma che cos'è l'essere? L'essere non ha un solo ma molteplici significati. Ci sono quattro gruppi fondamentali:
• l'essere come categorie (o essere per sé)
• l'essere come atto e potenza
• l'essere come accidente
• l'essere come vero (e il non essere come falso)
LE CATEGORIE: costituiscono le originarie "divisioni dell'essere" o i supremi "generi dell'essere". La tavola delle categorie:
1. Sostanza o essenza
2. Qualità
3. Quantità
4. Relazione
5. Azione o agire
6. Passione o patire
7. Dove o luogo
8. Quando o tempo
9. Avere
10. Giacere
Ma delle ultime due ne parla pochissime volte. Solo la prima categoria ha una sussistenza autonoma, mentre tutte le altre presuppongono la prima si fondano sull'essere della prima.
Atto e potenza: sono originari e non si possono definire facendo riferimento ad altro, ma solo ponendoli in reciproca relazione. La potenza e l'atto (e questo è un rilievo da tenere ben presente) hanno luogo secondo tutte le categorie (può essere in potenza o in atto una sostanza, una qualità, ecc.).
L'essere come accidente: è l'essere casuale e fortuito. Si tratta di un modo di essere che non solo dipende da un altro essere, ma che non è legato a questo da alcun vincolo essenziale.
L'Essere come vero: è quel tipo di essere che è proprio della mente umana che pensa le cose ed è studiato nella logica.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email