Genius 17243 punti

Il salto

Fra tutti gli schemi motori fondamentali, il salto è uno dei più complessi perché implica il contrasto con la forza di gravità. Quando l’atleta salta senza ricorrere a mezzi meccanici, egli riesce a staccarsi da terra solo per poche decine di centimetri e spendendo una grande energia. Il salto può essere definito come l’azione che ci permette di superare un ostacolo o di compiere una traiettoria in volo, staccando entrambi gli arti inferiori da terra. Questo gesto presuppone alcuni prerequisiti: potenza, coordinazione, agilità ed equilibrio. Il risultato sarà direttamente proporzionale al grado di sfruttare le potenzialità ed esso sarà efficace se l’atleta riuscirà a valutare con esattezza lo spazio e il tempo dell’esecuzione.
Il salto può avere direzioni e finalità diverse. Infatti possiamo distinguere:
• salto in alto: con ostacoli verticali, salto in alto, salto con l’asta
• salto in basso: quando si passa da un piano più alto ad uno più basso
• salto in lungo: con ostacoli naturali, salto in lungo, salto triplo
A volte, per superare un ostacolo, la traiettoria deve essere sia orizzontale, sia verticale, sia diretta verso il basso. Il salto è quindi un gesto motorio combinato che si compone di tre fasi diverse: lo stacco, il volo, l’atterraggio.
• Lo stacco si esprime con una spinta di entrambi gli arti nelle direzioni richieste; si può eseguire da fermi o con una rincorsa adeguata
• Il volo presuppone un notevole controllo, senso dell’equilibrio, dello spazio e del tempo. Essendo un gesto anomalo, il volo presenta alcune difficoltà; esso richiede coraggio,ma non incoscienza.
• L’atterraggio deve essere funzionale al gesto successivo: se dopo il salto bisogna riprendere immediatamente il movimento, l’atterraggio deve essere in perfetto equilibrio; l’atterraggio può essere anche accentuato per ammortizzare la caduta ed evitare, in questo modo, traumi ai muscoli, alle articolazioni e ai legamenti. Per questo motivo, è molto importante conoscere con esattezza, le tecniche che insegnano a cadere correttamente.
Le specialità del salto sono: salto in alto, salto in lungo, salto triplo, salto con l’asta, decathlon, epathlon. Con il salto si migliorano le potenzialità fisiologiche e le qualità motorie.
Hai bisogno di aiuto in Educazione Fisica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email